Vitamina B6: supplementi aiutano a ricordare i sogni

Una quantità maggiore di supplementi di vitamina B6 potrebbe aiutare le persone a ricordare meglio i loro sogni. Questa sostanza si trova soprattutto in cibi come tonno, banane e ceci e, secondo quanto hanno dimostrato i ricercatori dell’Università di Adelaide, se si assumono integratori di vitamina B6 per cinque giorni di seguito, migliorerebbe del 64% la capacità di ricordare i sogni.

=> Leggi perché è meglio non esagerare nell’assunzione di integratori con vitamine

Gli esperti non sono riusciti a capire esattamente come funzionerebbe tutto ciò, ma si attengono ad una teoria, secondo la quale la vitamina B6 aiuterebbe a convertire uno specifico amminoacido in un messaggero chimico capace di influenzare le emozioni e il sonno. Il principale autore dello studio, il dottor Denholm Aspy, ha fatto presente:

Una persona in media trascorre circa 6 anni della propria vita a sognare. I sogni ricordati potrebbero aiutare a superare gli incubi e a trattare le fobie. Inoltre sarebbero importanti per perfezionare le capacità motorie e perfino per favorire la riabilitazione in seguito ad un trauma fisico. Per avere sogni chiari è molto importante essere in grado di ricordare ciò che si è sognato regolarmente.

I risultati dello studio suggeriscono che gli integratori di vitamina B6 potrebbero essere fondamentali per raggiungere questo obiettivo, visto che non influenzano la vividezza del sogno e non hanno impatti negativi sul sonno in generale.

=> Scopri i benefici della vitamina D nel prevenire il diabete

Secondo una teoria la vitamina B6 potrebbe favorire la produzione di messaggeri chimici in grado di rendere meno duraturo lo stadio REM del sonno. Tutto ciò si tradurrebbe in sogni più intensi nelle ultime ore dedicate al sonno notturno.

I ricercatori hanno preso in considerazione 100 persone di età compresa tra i 18 e i 40 anni. Tutti ricordavano raramente i loro sogni. Poi hanno assunto 240 mg di vitamina B6 prima di coricarsi per cinque giorni consecutivi. I risultati pubblicati sulla rivista Perceptual and Motor Skills hanno rivelato che in questo modo i partecipanti allo studio erano in grado di ricordare meglio i loro sogni.

2 maggio 2018
Immagini:
Lascia un commento