Vita nelle città rurali rende 8 volte più felici che nelle metropoli

Vivere nelle piccole città rurali rende più felici che risiedere in una metropoli. Questo l’esito di un’indagine condotta in Canada dai ricercatori della McGill University di Montreal e dalla Vancouver School of Economics. Circa 400 mila le persone contattate durante lo studio.

Dalle risposte fornite durante l’indagine i ricercatori hanno evinto che chi abita nelle piccole città rurali è 8 volte più felice dei cittadini “metropolitani”, malgrado questi ultimi possano vantare livelli più alti sia di istruzione che di reddito.

=> Scopri quali sono le città italiane più green

Diverse le risposte contenute all’interno del questionario somministrato agli intervistati, a cominciare da un generica domanda sulla soddisfazione personale e proseguendo con domande più specifiche. Sebbene la maggior parte abbia espresso un gradimento medio tra 7,04 e 8,94, tra la restante parte dei partecipanti circa il 5% del totale ha dichiarato un valore inferiore a 5.

=> Leggi di più sull’emergenza smog per le città del Nord

Anche una variazione minima può generare profonde disparità se prodotta su una scala di valori così ridotta, hanno spiegato i ricercatori.

Da qui si genera la netta differenza tra gli abitanti dei centri rurali e quelli delle grandi città, risultati meno felici degli altri dell’800%. A incidere secondo i ricercatori sono soprattutto i legami sociali meno forti, in particolar modo il meno stretto rapporto con i propri familiari o amici.

21 maggio 2018
I vostri commenti
Sergio, martedì 22 maggio 2018 alle7:57 ha scritto: rispondi »

Credo si debba puntualizzare che la Città di Roma è una delle più verdi del Mondo, quindi la possibilità del verde a disposizione della cittadinanza, esiste. Ora cosa si intende per disponibilità? Forse che il verde deve essere per forza sotto casa? Che deve essere un luogo "in"? Il fatto è che quando siamo di fronte ad indagini, molti di noi fanno i perfezionisti, i grandi. Molte cose vanno rivedute.

Requiem, lunedì 21 maggio 2018 alle19:31 ha scritto: rispondi »

...non c'è bisogno dello studio canadese per capirlo, basta un po' di amor proprio e buon senso , 2 articoli scarsamente diffusi….

Lascia un commento