Violenze: cani arsi vivi e impiccati tra Roma e Trapani

Giungono aggiornamenti drammatici sulle necessità di tutela degli animali in Italia, con due casi accaduti a poche ore di distanza l’uno dall’altro. Si parla nuovamente di violenze e maltrattamenti, con due cani rimasti vittime dell’azione inspiegabile dell’uomo. Un primo esemplare è stato ucciso a Roma, avvolto dalle fiamme appiccate da ignoti, il secondo in provincia di Trapani, dove un esemplare è stato rinvenuto impiccato a un albero.

Le segnalazioni sono giunte da diverse associazioni animaliste sparse sul territorio, per poi essere riprese dai principali quotidiani italiani. La prima vicenda, così come già accennato, è accaduta nei pressi di Roma. I resti di un cane, ormai carbonizzati, sono stati rinvenuti all’interno del Parco della Madonnetta ad Acilia. Secondo le ricostruzioni, riportate da La Stampa sulla base delle informazioni raccolte dall’associazione Earth, ignoti avrebbero dato fuoco a un cane indifeso. Il fatto trova controprova nei diversi focolai scovati sul luogo, pronti a sottolineare come il quadrupede abbia disperatamente cercato di spegnere le fiamme rotolandosi a terra, mentre le guardie zoofile sono riuscite a recuperarne il microchip.

=> Scopri la tigre spedita tramite pacco postale


Dalla scansione del chip elettronico, è emerso come il quadrupede non fosse randagio: i proprietari, addolorati dall’accaduto, sono completamente estranei alla vicenda. Per questo motivo, l’associazione Earth sta cercando di raccogliere segnalazioni e testimonianze per identificare i colpevoli.

=> Scopri il criceto gettato nei bagni dell’aeroporto


Vicenda per certi versi analoga quella accaduta a Campobello di Mazara, nel trapanese, dove un cane è stato rinvenuto impiccato a un albero. Alcune associazioni locali hanno diffuso un appello su Fido, per cercare di identificare i malintenzionati. L’animale ucciso, un randagio di quartiere, pare fosse amato e ben voluto da tutti, tanto che lo scorso anno era stato curato e sterilizzato. Al momento, pare non vi siano informazioni precise su chi possa aver perpetrato un’azione così cruenta.

14 febbraio 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento