Vino: bere più di tre bicchieri a settimana fa male alla salute

Bere un bicchiere di vino al giorno è da molti ritenuto fondamentale per restare in buona salute. In realtà un nuovo studio ha fatto luce sulla questione, chiarendo che sarebbe troppo. I benefici si potrebbero riscontrare soltanto da un massimo di tre bicchieri di vino alla settimana.

A insistere su questo aspetto sono stati i ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Washington, nel Missouri. Gli scienziati hanno scoperto che bere un bicchiere di vino al giorno può aumentare di un quinto il rischio di morte prematura, indipendentemente dall’età.

=> Leggi perché birra, vino e cioccolato riducono il rischio di morte prematura

Secondo i ricercatori i benefici del vino si possono riscontrare soltanto con non più di tre bicchieri a settimana e se si ha una storia familiare di malattie cardiache. In questo caso il vino potrebbe aiutare a prevenire la formazione di coaguli e a tenere sotto controllo i livelli di zuccheri.

Per quanto riguarda la correlazione tra vino e tumori gli esperti hanno chiarito che il consumo di alcol è dannoso perché potrebbe portare ad un maggior rischio di sviluppare le patologie neoplastiche. Per giungere a questi risultati il team di ricerca ha esaminato migliaia di persone, valutando per ciascuna di esse le malattie cardiache e il rischio di tumori.

=> Scopri i benefici di tè verde e vino rosso contro alcuni disturbi metabolici

Gli individui sono stati monitorati dal 1997 al 2009 ed avevano tutti un’età compresa tra i 18 e gli 85 anni. Si è scoperto che coloro che bevevano uno o quattro o più bicchieri di vino alla settimana avevano il 20% in più di probabilità di morire prematuramente. La dottoressa Sarah Hartz, principale autrice dello studio, ha spiegato:

Consumare uno o due drink circa quattro giorni alla settimana sembra proteggere dalle malattie cardiovascolari, ma il berli ogni giorno elimina questi benefici. Per quanto riguarda il rischio di tumori, qualsiasi tipo di consumo di alcolici si è rivelato dannoso.

Gli esperti hanno chiarito anche che un aumento del 20% del rischio di morte rappresenta una questione molto più grande di quanto si possa pensare; specialmente per ciò che concerne le persone anziane, che hanno un rischio più elevato.

4 ottobre 2018
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Taroni Giuliana, giovedì 4 ottobre 2018 alle21:04 ha scritto: rispondi »

Seguo da tempo con molto interesse a tutti gli,argomenti,c’è una cosa che non capisco,spesso leggo che alcuni cibi vanno bene e poi lo stesso cibo o bevanda,fanno male.Fatemi capire,le vostre fonti di notizie,sono attendibili?Sinceramente ho qualche dubbio,e Voi cosa ne pensate?Grazie mille. Taroni Giuliana ,

Lascia un commento