Viaggi eco-friendly per un italiano su tre

In vista dell’Earth Day 2014 del 22 aprile, il sito di viaggi TripAdvisor ha comunicato le conclusioni di uno studio volto a capire la posizione degli italiani verso i viaggi eco-friendly, mettendo in evidenza una tendenza che vede il pubblico interessato a viaggiare tenendo conto dell’impatto ambientale, anche se non mancano alcune contraddizioni.

Il sondaggio è stato condotto tra il 28 marzo e l’8 aprile su un campione di 4.500 soggetti. Il 60% degli intervistati ha dichiarato di preferire delle soluzioni di viaggio che consentano di ridurre l’impatto ambientale, a testimonianza di una crescente sensibilità “green”, che però non trova riscontro nella pratica, dato che solo il 33% degli interpellati ha affermato di avere in programma un viaggio amico dell’ambiente nei prossimi 12 mesi.

Il 92% dei viaggiatori assicura che fare “eco-viaggi” fa bene, ma l’Italia non si dimostra particolarmente attenta sotto questo profilo. Il 64% del pubblico dice che la sostenibilità degli hotel italiani non è allo stesso livello di quella di altri Paesi europei come la Scandinavia, indicata come modello dal 31% del campione, la Germania (9%) e la Svizzera (7%). Tra le regioni d’Italia emerge invece il Trentino Alto Adige, indicata dal 36% come una delle aree più virtuose, seguita a distanza dalla Toscana (8%) e dall’Emilia Romagna (6%).

I numeri indicano anche che il 55% degli utenti ha soggiornato in passato in un hotel che adotta politiche sostenibili, con il 58% di essi che ha sottolineato l’utilità dell’impianto di illuminazione centralizzato, così da spegnere le luci quando si lascia la stanza e diminuire il dispendio energetico. Per il 42% del campione è importante un programma di riutilizzo della biancheria, mentre per il 33% è utile l’uso di lampadine a basso consumo.

Particolarmente interessante è il dato riguardante il consumo di cibi biologici o locali durante il viaggio, con una quota dell’82% che dice di consumare sempre o spesso alimenti di questo genere.

Tra i comportamenti eco-compatibili più diffusi vi sono poi l’abitudine di spegnere la luce prima di uscire dalla stanza (89%), quella di disattivare il climatizzatore (76%) e la scelta di accettare il programma di riutilizzo degli asciugamani (73%). Il 70% dichiara infine di usare la biciletta o altri mezzo di trasporto rispettosi dell’ambiente.

16 aprile 2014
Lascia un commento