VES alta e bassa: sintomi, cause e valori

La VES è l’acronimo con cui è nota ai più la velocità di eritrosedimentazione, ossia la velocità con cui i globuli rossi di un campione di sangue in una provetta sedimentano alla base della stessa. Si tratta di un comune esame di laboratorio, tra quelli che vengono normalmente prescritti dal medico nell’ambito delle analisi del sangue. Questo parametro, insieme agli altri valori rilevati e dall’anamnesi abbinata all’esame obiettivo, contribuisce ad aiutare il medico a definire la diagnosi. Una velocità di sedimentazione dei globuli rossi inferiore o superiore alla norma, associata alla manifestazione di altri sintomi, può essere predittiva di alcuni stati patologici. In ogni caso, il valore della VES non è mai da solo direttamente correlato ad una specifica condizione: si dice, infatti, che si tratti di un indice aspecifico o generico.

L’esame viene di solito prescritto ai pazienti che manifestano alcuni specifici sintomi di infiammazione come:

  • mal di testa intenso e ricorrente;
  • dolore alle articolazioni assolto o meno a rigidità;
  • dolore addominale;
  • perdita di peso e inappetenza;
  • astenia.

=> Scopri valori e funzione dell’emoglobina


La VES viene misurata anche nel corso della terapia di alcune patologie, in quanto il valore e le variazioni nel tempo possono contribuire alla valutazione dell’andamento della terapia stessa o della malattia.

Valore normale della VES

In condizioni di buona salute, il valore normale della VES nelle diverse fasce di età è così definito:

  • nel neonato non supera i 2 mm all’ora;
  • nei maschi adulti sani arriva a 10 mm all’ora;
  • nelle donne adulte sane a 15 mm all’ora;
  • arriva a 20 mm all’ora nella popolazione anziana.

Un riferimento utile è la formula di Miller, che esprime come normali i valori della velocità di eritrosedimentazione che risultano inferiori al risultato di questo calcolo: [(età in anni) + 10 (quando si calcola il valore per una femmina)]/2.

In gravidanza e durante le mestruazioni la VES è di norma più elevata.

=> Scopri valore e funzioni dell’emoglobina


I globuli rossi nel sangue, in condizioni normali, restano in sospensione ben separati tra loro. La composizione del plasma, soprattutto in termini di proteine, è tale da consentire questa separazione e la conseguente sospensione. L’anomala composizione proteica del plasma modifica le condizioni che determinano la sospensione e, perciò, i globuli rossi tendono ad aggregarsi. Le forme e le dimensioni che possono assumere questi aggregati sono diverse, anche a seconda di come è variata la composizione delle proteine del plasma. Quanto più questi agglomerati sono grossolani e disorganizzati, tanto più elevata sarà la loro velocità di sedimentazione rispetto alla norma.

VES alta

Le prime cause dell’aumento del valore della VES sono l’anemia e l’anemia emolitica, altre malattie coinvolte sono:

  • artrite;
  • infezioni;
  • polimialgia;
  • osteomielite;
  • tumori.

=> Scopri cause e sintomi dell’anemia


Il valore della VES può aumentare anche in seguito alla somministrazione di alcuni farmaci, come metildopa, indicata nel trattamento dell’ipertensione arteriosa, contraccettivi orali, penicillamina, teofillina e anche vitamina A.

VES bassa

La velocità di sedimentazione dei globuli rossi è inferiore alla norma in caso di:

  • anemia falciforme;
  • insufficienza cardiaca;
  • carenza di alcuni fattori della coagulazione;
  • ipoalbuminemia, ossia lo scarso livello di albumina nel sangue indicativo di solito di malnutrizione o di malattie epatiche o renali;
  • policitemia vera, una malattia cronica del sangue.

Il valore della VES può diminuire anche in seguito alla somministrazione di alcuni farmaci come aspirina, cortisone e il chinino, che viene usato per il trattamento della malaria. Tutte le valutazioni sono di esclusiva competenza del medico.

21 novembre 2017
Immagini:
Lascia un commento