Venus e Serena Williams, le famose sorelle del tennis, diventano vegane. La scelta di una dieta completamente vegetariana e priva di proteine animali, però, non deriva da un improvviso spirito animalista, bensì da una rara malattia che ha colpito una delle due sportive.

Venus ha infatti scoperto a 31 anni di soffrire di una patologia non comune: la sindrome di Sjogren, un’infiammazione cronica a carico del sistema immunitario e delle ghiandole esocrine, ovvero quelle salivari, le lacrimali e quelle del complesso dell’orecchio. La malattia provoca continui disturbi reumatoidi, problemi all’equilibrio date le frequenti parotiti e avrebbe potuto mettere a rischio la carriera della Williams, se non fosse per i benefici che la dieta vegana ha sulla riduzione dei suoi sintomi.

Così, la sensazionale rivelazione dell’ultimo U.S. Open ha deciso di abbandonare latticini, uova e altri prodotti di origine animale, tornando in fretta in piena forma. Ma per quale motivo questo regime alimentare è stato adottato anche dalla sorella Serena? La ragione è molto semplice: supportare appieno Venus con la sua vicinanza.

[banner]

Venus ha scoperto di essere affetta dalla sindrome di Sjogren poco prima dell’U.S. Open, cadendo così in una fitta depressione:

Non potevo sollevare il braccio oltre la mia testa, la racchetta cadeva. Non avevo più tatto nelle mani. Sudavano e prudevano: ho temuto che la mia vita diventasse miserabile. […] Ho passato delle settimane davvero dure e ho bisogno di evitare lo stress per non peggiorare e fare passi indietro.

E quale miglior modo per evitare lo stress, un fattore comune agli sportivi a causa della pressione continua delle competizioni, che abbracciare uno stile di vita completamente nuovo? Le due sorelle, infatti, non solo hanno abbracciato lo stile vegan, ma hanno iniziato una serie infinita di discipline olistiche per curare spirito e corpo. Oltre allo yoga e ai frequenti massaggi ayurvedici, Venus avrebbe iniziato un percorso di meditazione che l’avrebbe aiutata a dominare alcuni sintomi spiacevoli provenienti dal proprio corpo, ritrovando parte della serenità perduta. L’atleta si è ora presa una pausa dallo sport per ritrovare il proprio equilibrio, ma conta di tornare sul campo da gioco in pochissime settimane.

, EcoRazzi

2 gennaio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
SABRINA, domenica 7 agosto 2016 alle17:36 ha scritto: rispondi »

La sindrome di Sjogren, che ho anch'io, è tutto fuorché rara, anzi piuttosto comune e, come tutte le malattie auto-immuni, colpisce soprattutto le donne. Non è vero che causa continui dolori articolari, dipende dagli indivuidui e dalle loro scelte. A me è stata diagnosticata 12 anni fa, non ho mai assunto farmaci, uso solo le gocce oculari ed il burro cacao, non ho mai dolori, conduco una vita normale e, come Venus Williams, ho trovato che diventare vegana ha migliorato le mie analisi - per es. il fattore reumatoide da triplo, rispetto al valore massimo della range, è rientrato nella range. Prima ero stata vegetariana per vent'anni e la mia scelta è etica, ma è vero che la salute ne beneficia parecchio. Alla prima visita 12 anni fa mi avevano prescritto un immunosoppressore, ma avendo letto il bugiardino, ho capito che non faceva per me, e così non ho mai assunto né quello né altri medicinali, ma ho cambiato regime alimentare. Consiglio vivamente a chiunque di diventare vegani ANCHE per ragioni di salute.

Lascia un commento