L’84% dei vegetariani torna a mangiare carne dopo un anno. Secondo i risultati di uno studio condotto negli USA dallo Human Research Council trascorsi i primi dodici mesi circa 4/5 di chi aveva smesso di mangiare carne e derivati ritornerebbe alle vecchie abitudini.

In base ai dati raccolti sulla base delle esperienze di 11.399 statunitensi di età superiore ai 17 anni, aderenti a varie tipologie di alimentazione, i ricercatori hanno riscontrato come il ritorno alla carne da parte di vegetariani e vegani avvenga dopo un anno per più della metà di loro. Un terzo rinuncerebbe al nuovo stile di vita a tavola dopo appena tre mesi.

La percentuale di ripensamenti risulterebbe inoltre maggiore per i vegetariani (86%), mentre sensibilmente inferiore per i vegani (70%). L’età media di coloro che abbandonano la carne e scelgono una dieta vegetariana o vegana è di 34 anni. Nella maggior parte dei casi risulta inoltre di rilievo il ruolo recitato da fidanzati e fidanzate che hanno già scelto di abbandonare il consumo di carne.

Alla base della rinuncia risultano però in alcuni casi motivazioni non soltanto legate alla propria salute o al benessere animale, ma anche ragioni quali ad esempio “Volevo soltanto essere differente” oppure “Il mio corpo non si è adattato al cambiamento”. Posto il fatto che un cambio di alimentazione non dovrebbe mai rappresentare una semplice ricerca di originalità, ma una scelta consapevole, il consiglio in ogni caso è di procedere con una transizione graduale, evitando quindi un taglio netto con la precedente dieta.

Una scelta, quella del ritorno alla carne, che sembra tuttavia destinata a rivelarsi anch’essa temporanea per oltre un terzo degli intervistati. Il 37% di chi smette di essere vegetariano o vegano ha dichiarato che intende, presto o tardi, abbracciare di nuovo tale scelta.

4 dicembre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento