Vegani insorgono contro spot panettone Motta

Sta facendo molto discutere in rete l’ultimo spot del panettone Motta. L’industria dolciaria italiana si è attirata le ire dei vegani per aver contrapposto gli ingredienti tradizionali del dolce natalizio agli ingredienti principali della dieta cruelty-free: dal seitan al tofu.

Nello spot la Motta sostiene che per seguire le mode alimentari del momento avrebbe potuto variare la ricetta del panettone inserendo alghe essiccate, tofu, seitan, bacche di Goji, papaya. Mentre la voce fuori campo elenca i cibi della dieta vegana in video scorrono le immagini degli ingredienti del panettone classico: uova, farina, frutta candita e uvetta.

Immediata la reazione del popolo vegano che ha organizzato una protesta su Facebook, invitando a inviare email alla Motta per esprimere la propria indignazione sullo spot, interpretato come una presa in giro di chi ha compiuto una scelta alimentare etica e sostenibile.

Molti utenti vegani fanno inoltre notare che nel panettone veg non c’è nessuno degli ingredienti elencati nello spot, postando ricette cruelty-free a base di farina bio, canditi, zucchero di canna, latte di soia e burro di cacao.

Altri internauti attaccano la ricetta del panettone Motta, definito una vera e propria bomba calorica a base di grassi saturi, zuccheri raffinati e olio di palma.

A sconcertare i vegani è proprio l’aver tirato in ballo e demonizzato ingredienti come il tofu e il seitan per sponsorizzare un prodotto non veg. Barbara B scrive indignata:

La domanda è perché? Perché fare una pubblicità dei vostri panettoni tirando in ballo tofu e seitan? Forse perché sono calate le vendite? Mi farò delle grasse risate quando vedrò arrivare sul mercato i vostri prodotti vegan.

Claudia R. rivolgendosi alla Motta scrive:

Poche righe per rendervi nota la mia indignazione per il vostro recente spot, che credendo di risultare simpatico, insulta una categoria di persone che sceglie di essere vegan, e anche una che sceglie di tutelare la propria salute.

Forse mirate a una fetta di mercato di onnivori ignoranti che prendono in giro i vegani al bar? Forse. Ma così facendo avete perso una fetta di mercato: quella delle persone intelligenti che mangiano come vogliono e non sentono il bisogno di insultare una categoria per dimostrare il proprio valore.

Di seguito il video del tanto discusso spot.

7 dicembre 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
I vostri commenti
Alfonso, mercoledì 14 dicembre 2016 alle9:03 ha scritto: rispondi »

carissimi vegani, forse cadreste meno nel ridicolo se smetteste di dare nomi di ricette tradizionali ai vostri piatti.... dategli nomi nuovi e fantasiosi....

Giulio, domenica 11 dicembre 2016 alle18:12 ha scritto: rispondi »

E' solo uno spot, una operazione di marketing pura e semplice, studiata ad arte e ben fatta! Se ne parla...allora è stato raggiunto quello che si voleva raggiungere, può far piacere o meno, lo scopo era proprio quello!!!! I miei complimenti a chi lo ha ideato!!! Per chi pensa al mercato perso o acquistato fa u errore madornale, il mercato lo fa la eco e qui e tutto ECO "l'importante è che se ne parli"!!! Non comprendo l'indignazione preoccupiamoci delle cose serie!!!

Giovanni , giovedì 8 dicembre 2016 alle16:05 ha scritto: rispondi »

Ormai viaggiammo sul filo di una lama: o stai di qua o stai di la. No se ne può più. Ora si aggiungono anche i vegani. Con tutto il rispetto per le vostre scelte(senza saperlo anch'io spesso mangio vengano) ma basta! Ci si offende per ogni non nulla! Questa è isteria sociale. Calma gente smettiamola di cercare sempre la pagliuzza nell'occhio dell'altro...non guasterebbe. E per rimanere in tema guardatevi anche voi dietro ogni tanto. Non tutti i vegani fortunatamente ma molti tra voi spesso esagerano nel modo di gestire sia in privato(con i bambini in particolare) ed anche nell'esternare pubblicamente il proprio credo vegano.

Lascia un commento