Vegani: affettati Veg biologici ad alto contenuto proteico dai legumi

Affettati vegani a elevato contenuto proteico. Il crescente numero di italiani che ha deciso di non consumare più carne o derivati animali, con la necessità però di compensare la mancata assunzione delle proteine contenute in tali prodotti. Proprio da questa richiesta ha preso spunto la FMV Srl per il lancio di Veghiamo, una linea di affettati vegetali biologici in grado di offrire al consumatore un contenuto proteico superiore al 25%.

I nuovi affettati vegetali biologici sono nati dall’unione tra la Felsineo Spa e la Mopur Vegetalfood Srl, riunitesi sotto il marchio Felsineo Veg. Malgrado siano per vocazione prodotti pensati per il consumo da parte di vegani e vegetariani, quelli della linea Veghiamo possono rappresentare una buona fonte di proteine anche per gli onnivori o per coloro che hanno deciso di limitare, seppure non escludere, la carne a tavola.

=> Scopri le scarpe vegane realizzate con bucce di mela

Alla base di questi prodotti vi sono le proprietà dei legumi, che portano in dono agli affettati vegetali anche colori e sapori. Non sono stati utilizzati coloranti e conservanti, mentre la presenza di grassi è limitata al 7%. Come ha dichiarato Andrea Raimondi, presidente Felsineo e FMV:

Veghiamo è nata dalla passione e dalla voglia di realizzare prodotti che siano buoni per tutti, e anche sani. Con questa nuova linea abbiamo voluto coniugare la naturalità con il gusto, per offrire prodotti con un alto contenuto proteico e eccellenti dal punto di vista nutritivo e sensoriale.

=> Leggi quali sono i falsi miti sulla dieta vegana

Gli affettati vegetali della linea Veghiamo dispongono delle certificazioni BIO e VEGAN rilasciate dal Consorzio ICEA. Sono inoltre ottenuti dall’abbinamento di diverse farine, tra le quali quelle di grano, lupini e ceci, realizzato tramite un processo di fermentazione naturale. Ciò ha consentito di ottenere, hanno dichiarato i produttori, buoni risultati in termini di gusto e profumo, ma anche di affettabilità e digeribilità.

23 novembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento