Uva: proprietà, calorie e benefici

È il frutto simbolo dell’autunno, con la sua dolcezza insuperabile e la fresca sensazione che regala al palato: l’uva non può mai mancare sulle tavole della seconda parte dell’anno, sia come spuntino durante la giornata che per elaboratissime ricette. Nota sia per il consumo fresco, secco o come elemento cardine per la preparazione del vino, questo frutto è noto sin da tempi antichissimi, amato soprattutto dalle popolazioni affacciate sul Mediterraneo, come quelle greche e romane. Ma quali sono le sue proprietà, quali le calorie e, soprattutto, quali i benefici per l’organismo?

Prima di cominciare, è bene sottolineare come dell’uva ne esistano molteplici varietà: l’apporto nutrizionale cambia a seconda della tipologia prescelta. Ancora, possono influire la zona e i metodi di coltivazione, così come anche la destinazione d’uso, ad esempio da tavola o da vino. Le informazioni di seguito riportate, perciò, hanno un carattere unicamente illustrativo.

Uva: definizione e caratteristiche

Uva

L’uva non è altro che il frutto della Vitis vinifera, ovvero della comune vite. Si tratta di un’infruttescenza, ovvero di un raggruppamento di molteplici frutti in un grappolo. Quest’ultimo è composto da un graspo, che rappresenta la struttura legnosa a cui sono legati gli acini. I singoli chicchi, a seconda delle varietà, possono assumere le più svariate colorazioni: dal giallo al verde per l’uva definita bianca, dal rosa al violaceo per quella rosa, e dal blu intenso al porpora per quella nera. Ogni acino, inoltre, racchiude dei piccoli semi, necessari alla vite per riprodursi.

=> Scopri la dieta dell’uva


L’uva oggi distribuita sul mercato globale deriva principalmente da due specie di vite: la già citata Vitis vinifera, adatta sia per il consumo fresco che per la preparazione del vino, e la Vitis labrusca, scelta unicamente come prodotto da tavola e diffusa soprattutto nel Nord America. Non mancano numerose ibridazioni delle viti, tanto da portare alla creazione di vini dalle proprietà organolettiche e gustative fra loro variegate, così come coltivazioni protette. I Paesi affacciati sul Mediterraneo rappresentano oggi i maggiori produttori mondiali, con l’Italia in prima posizione per l’uva fresca e da tavola.

Conosciuto sin da tempi antichissimi, questo frutto è impiegato dall’uomo per i più svariati scopi. Il più famoso è certamente quello della produzione di vino, sia bianco che rosso, ma l’uva può essere anche consumata fresca, se ne può ricavare un succo tramite spremitura o può essere essiccata per ottenere uva passa, un ingrediente scelto in cucina perlopiù per ricette dolci. Non è però tutto, poiché dai piccoli semi si può ricavare anche un olio.

Uva: calorie, proprietà e benefici

Uva

Così come già anticipato, il profilo nutrizionale dell’uva può variare a seconda della tipologia, dell’ibridazione e della zona di coltivazione. In linea generale, 100 grammi di frutto garantiscono circa 67 calorie: si tratta quindi di un alimento ipocalorico, adatto anche per le diete dimagranti e di certo idratante, dato l’elevatissimo contenuto di acqua. Per questo peso, la porzione nutritiva prevalente è determinata dai carboidrati, con 17 grammi sul totale, seguiti da 0.9 grammi di fibre, 0.6 di proteine e 0.4 di grassi. Interessante è il contenuto in vitamine – principalmente A, C, D ed E – nonché di minerali come calcio, ferro, magnesio e molti altri ancora.

=> Scopri le proprietà del resveratrolo


Le proprietà tipiche dell’uva la rendono un alimento perfetto per la salute dell’organismo, poiché in grado di garantire i più svariati benefici. A partire dalla diuresi: grazie all’elevato contenuto d’acqua, il frutto ha un enorme potere idratante e aiuta le funzioni renali, stimolando la produzione di urina e l’eliminazione delle tossine. Il buon contenuto in fibre, dovuto principalmente alla buccia commestibile, è invece ideale per regolarizzare il transito intestinale, soprattutto nei casi di prolungata stipsi. Poiché alimento zuccherino, però, dovrebbe essere consumato con parsimonia dai pazienti affetti da diabete, dopo aver vagliato il parere del medico o dello specialista.

Grazie al buon equilibrio di elementi come flavonoidi, tannini, antociani e molti altri, l’uva garantisce inoltre numerose funzioni utili alla rigenerazione dei tessuti di tutto il corpo. È noto, ad esempio, come gli estratti del frutto e della pianta abbiano un potere protettivo su vene e capillari, tanto che molti trattamenti farmacologici per l’insufficienza venosa vedono fra i composti principali proprio estratti dell’uva. Si tratta inoltre di un alimento antiossidante, quindi adatto a contrastare l’azione dei radicali liberi limitando l’invecchiamento cellulare, nonché protettivo di cute, organi e sistema nervoso. Il resveratrolo, una sostanza naturale contenuta soprattutto nell’uva rossa, è da anni oggetto di studio per le sue possibili potenzialità nel trattamento di patologie anche gravi, come l’Alzheimer. Infine, il consumo regolare del frutto può aiutare ad abbattere i livelli di colesterolo cattivo, favorendo invece quello buono, e rafforza il sistema immunitario data l’abbondante presenza di vitamina C.

7 ottobre 2018
Immagini:
Lascia un commento