Ha suscitato grande clamore un video condiviso in questi giorni sulla piattaforma Instagram, nato probabilmente come innocuo contenuto virale, eppure poco gradito dagli utenti del social network. Protagonista è un cucciolo di cane, quest’ultimo impiegato dai proprietari per lucidare, almeno in senso lato, una costosissima Maserati. Sebbene i creatori abbiano spiegato come la realizzazione del filmato non abbia comportato nessuno stress per l’animale, gli utenti hanno comunque giudicato l’iniziativa inopportuna, alimentando una fitta polemica.

La condivisione giunge dal Regno Unito, da uno dei tanti account dedicati ai “Rich Kids” che, negli ultimi tempi, stanno spopolando sui social network. Nel filmato, di pochissimi secondi, si vede un piccolo cucciolo di Maltese poggiato sul cofano di una lussuosa auto da corsa, impiegato dal proprietario per lucidare, con un intento scherzoso, la carrozzeria della vettura. Così si legge nella didascalia:

=> Scopri il cane di razza Maltese


L’unico modo per pulire l’iconica Maserati MC12 è con pelliccia di cucciolo al 100% naturale, per assicurare una corretta lucidatura (nessun cucciolo è stato maltrattato in questo viso: tutti sorrisi e scodinzolii).

La vettura, dal valore di 2 milioni di dollari secondo quanto ipotizzato dal New York Daily News, pare sia di proprietà di una giovane imprenditrice londinese, già proprietaria del maltese mostrato in video. Nonostante si sia trattato unicamente di un gioco, e il cane non sia stato sottoposto ad alcuno stress, gli utenti del social network fotografico hanno comunque giudicato l’azione inopportuna, sostenendo gli animali non debbano essere impiegati né come oggetti né come fautori di moda e tendenze.

=> Scopri la cagnolina che accudisce pupazzi


La proprietaria, sempre dalle piattaforme social, ha però rigettato le accuse, sottolineando come il cane sia sempre stato accudito nel migliore dei modi e come, durante i pochi secondi di girato, abbia apprezzato “il solletico ricevuto sulla schiena”. Di seguito, la condivisione tanto commentata dagli utenti.

18 maggio 2017
Lascia un commento