Condividere l’appartamento con un gatto è una piacevole routine che riempie di gioia e amore le giornate, trasformando in momenti di tenerezza i rientri casalinghi. Per quanto possa risultare serafico e indipendente, il micio è un compagno di avventura fedele e molto affettuoso, che ama condividere il suo tempo con il padrone di casa. Per questo la sua cura e il suo benessere non assumeranno mai i contorni dell’impegno gravoso, ma rientreranno nelle faccende del quotidiano. Una routine consueta da affrontare con slancio, compresa la pulizia della lettiera utilizzata da Fufi. Ma se l’amico è molto piccolo o, al contrario, molto anziano oppure è da poco entrato in famiglia, avrà qualche difficoltà a contenere il momento dedicato ai bisogni. Per questo potrà capitare di ritrovare piccole macchie di urina sparse per casa, ma eliminarle sarà un procedimento facile e veloce.

Rapidità

Intervenire tempestivamente è il modo migliore per circoscrivere e limitare il danno, possibilmente tamponando la zona con un panno o un asciugamano. Se il gatto ha urinato sopra un mobile, oppure sul pavimento, un tappeto o un divano, appoggiare e premere un panno di stoffa potrà aiutare ad assorbire rapidamente il liquido. Più rimarrà sopra la parte interessata migliore sarà l’effetto finale, anche la carta assorbente può svolgere egregiamente lo stesso compito ma è indispensabile premere e non strofinare.

=> Scopri come rimuovere l’urina del gatto dai tessuti


Pulire la superficie

Per eliminare l’alone di urina e l’odore è necessario impiegare prodotti a base enzimatica, detergenti presenti in commercio in grado di ridurre gradualmente la presenza degli enzimi nel liquido presente su pavimenti e supporti. Questi prodotti riescono a neutralizzare velocemente gli odori, grazie all’azione diretta sull’acido urico contenuto nell’urina del felino, scomponendolo in anidride carbonica e ammoniaca. I due elementi evaporeranno velocemente permettendo l’eliminazione della macchia e degli odori, sia freschi che datati. Prima di procedere è bene testare la reazione del supporto interessato all’azione del prodotto, applicandone una piccola parte in un angolo. Nel caso la macchia si ripresenti è importante ripetere il procedimento, seguendo le indicazioni illustrate sul retro del prodotto.

Prodotti naturali

In commercio è possibile acquistare prodotti di origine naturale pronti all’uso, oppure da comporre per una miscela sana e rispettosa dell’ambiente. Ad esempio, mescolando due parti di acqua con una di aceto si ottiene un detergente molto utile da versare sulla macchia, lasciandolo agire per alcuni minuti prima di tamponare il tutto con un panno. Non è bene strofinare l’aceto sul marmo, perché potrebbe rovinarlo. Anche il bicarbonato di sodio è un valido alleato: spargerlo sopra la macchia aiuterà ad assorbirla ed eliminarla. Ottima la miscela composta da un cucchiaino di erbe aromatiche (rosmarino, lavanda e via dicendo), uno di polvere di tè, uno di cannella e uno di bicarbonato di sodio: si mescola tutto con l’acqua e si spruzza sulla parte interessata, dopo trenta minuti si pulisce con l’aspirapolvere.

=> Scopri le cause dell’incontinenza


Abiti e tessuti

Se l’urina ha colpito parti della casa sfoderabili, come divani, federe, lenzuola, oppure abiti e vestiario, si può risolvere lavando il tutto in lavatrice aggiungendo un misurino di aceto per contrastare l’odore. Meglio utilizzare prodotti in grado di contrastare lo sporco più ostinato e gli odori più forti, così da estirpare il problema alla radice. Eventualmente si può pre-trattare la parte con un mix di acqua e bicarbonato di sodio, inumidendola e tamponandola per assorbire maggior liquido possibile.

Ammoniaca e consigli

Non utilizzate mai l’ammoniaca o prodotti che la contengono perché, essendo parte integrante dell’urina del micio, potrebbe incentivarlo a ripetere il gesto. Per dissuaderlo mantenete sempre pulita la sua lettiera, oppure ricoprite la parte dove è solito urinare con traversine e carta di giornale. Spesso urinare troppo può indicare una problematica fisica, per questo potrebbe risultare utile un controllo veterinario.

13 ottobre 2017
Lascia un commento