Uragano Florence: camionista salva 64 cani

L’uragano Florence, il terribile fenomeno atmosferico che ha colpito in questi giorni le coste degli Stati Uniti, ha causato gravi disagi alla popolazione a seguito del suo passaggio, tra case distrutte, alberi divelti, allagamenti e feriti. In una simile e precaria condizione, molti animali domestici sono purtroppo fuggiti dalle loro abitazioni, poiché spaventati dalla tempesta e della distruzione. Sono in tantissimi i proprietari che, tramite le piattaforme social, cercano di ritrovare i loro amici a quattro zampe, altrettanti sono rifugi e canili in cerca di aiuto. Un segnale positivo, però, è giunto dall’azione eroica di un camionista, pronto a salvare ben 64 cani.

Così come riportano le fonti statunitensi, Tony Alsup – un camionista cinquantunenne di Greenback, nel Tennessee – ha condotto lo scorso weekend un bus scolastico nella tempesta, per recuperare quanti più cani possibili. Dopo essersi fermato a Orangeburg, Georgetown, Dillon e North Myrtle, il coraggioso uomo è riuscito a recuperare ben 53 cani, a cui si sono aggiunti altri 11 gatti. L’uomo ha recuperato i quadrupedi dai rifugi locali, per poi condurli in una struttura di Foley, in Alabama, affinché possano essere smaltiti fra gli altri rifugi locali in attesa di un’adozione.

=> Scopri il gatto ritrovato dopo 14 anni da un uragano


La strepitosa impresa è stata confermata dalla pagina Facebook del Saint Frances Animal Shelter, confermano come l’uomo – già impegnato in un rifugio locale – si sia concentrato anche e soprattutto sugli animali in condizioni complesse di salute:

È tutto vero: Tony è partito alle 4 del mattino per recuperare i nostri animali “rimanenti”, quelli malati, quelli che nessuno vuole adottare. E li ha portati in salvo. Non una delle evacuazioni più convenzionati, ma sicuramente quella con più cuore.

=> Scopri il cane che ritrova i proprietari dopo l’uragano


L’impresa ha attirato grandi curiosità sui social network, dove la notizia è diventata immediatamente virale: in molti si sono complimentati con l’uomo per la sua dedizione per la cura degli amici a quattro zampe, soprattutto per quelli più bisognosi di cure.

18 settembre 2018
Fonte:
Lascia un commento