È una vicenda scioccante quella che proviene dalla California e che, ancora una volta, vede come protagonista un animale maltrattato. Un uomo di 42 anni, infatti, avrebbe fissato con del nastro adesivo dei fuochi d’artificio al corpo di un cane, con la precisa intenzione di ucciderlo. Incredibilmente sopravvissuto alle violenze, l’animale è ora in cura in una clinica veterinaria specializzata nel trattamento delle grandi ustioni. Per il colpevole, invece, si apriranno le porte del carcere.

Il cane, un’American Staffordshire Terrier di circa 3 anni e ribattezzato Indy, è stato rinvenuto da alcuni passaggi nei pressi di North Hollywood, la mattina del 5 luglio del 2013. Condotto immediatamente da un veterinario, è apparso evidente come l’animale riportasse serie ustioni su tutto il corpo, probabilmente dovute a petardi o fuochi d’artificio. La data sospetta, ovvero la mattina successiva alla festa nazionale del 4 luglio, non ha fatto altro che rafforzare questa ipotesi.

Grazie a un testimone, il quale avrebbe intravisto il proprietario gettare il cane dal suo furgone nei pressi di alcune aree disabitate, è stato possibile risalire al colpevole. La polizia ha quindi identificato Carlos Efrain Duarte e, dopo le ricostruzioni del caso e il successivo processo, è stato confermato l’utilizzo di fuochi d’artificio legati al corpo del quadrupede.

Dopo mesi di interminabili cure, Indy è stato adottato lo scorso gennaio e continua la sua complessa convalescenza, tra medicamenti continui di piaghe e infezioni nonché la necessità di diverti interventi alla cute. Grazie anche all’aiuto del passaparola sui social network, la sua nuova famiglia ha potuto raccogliere dei fondi per sostenere le ingenti spese necessarie al trattamento. Il colpevole, invece, è stato condannato a un anno di carcere e a 12 mesi successivi di libertà vigilata, a cui faranno seguito 92 ore di lavori socialmente utili. Inoltre, per 10 anni il responsabile non potrà avvicinarsi – né tantomeno accudire- agli animali domestici.

25 settembre 2014
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento