Una storia drammatica quella che ha coinvolto e distrutto la vita di 16 cani, fra cui molti esemplari di Pastore Fonnese, tutti tristemente morti. C’è chi addirittura sostiene che in realtà fossero 20 gli esemplari e tutti uccisi per avvelenamento. A infliggere questa terribile condanna è stato il proprietario, un anziano pastore di 73 anni della zona di Oristano. Una decisione non repentina e improvvisa, ma frutto dell’esasperazione e delle continue lamentele da parte dell’intero vicinato. Una serie di proteste ripetute da parte dei cittadini di zona stufi della confusione prodotta da tanti animali, ma anche infastiditi dallo stato d’incuria degli stessi.

L’anziano, di professore pastore, ha quindi deciso per la soluzione estrema avvelenando in blocco tutti si suoi cani di affezione. Una strage inconcepibile, forse una conseguenza dell’impossibilità di gestirli nel modo più corretto. Sulle condizioni dei quadrupedi erano intervenute anche le guardie zoofile, che avevano richiesto al proprietario di migliorare la gestione dei suoi animali. Ma l’uomo non aveva corretto il tiro e le lamentele erano riprese, proprio a sottolineare l’incredibile stato di degrado a cui erano costretti i cani. Stanco del vociare di zona, l’uomo ha quindi optato per una soluzione drastica: il veleno.

La scoperta dei cani e del loro decesso ha fatto guadagnare al pastore una denuncia a piede libero, mentre la morte degli animali è stata confermata dai veterinari della clinica Due Mari di Oristano. I due, intervenuti per cercare di salvare un cucciolo, hanno solo potuto constatarne il decesso come quello dei compagni. Alcuni ritrovati coperti con un telo per un ultimo gesto di pietà. La situazione della sepoltura e smaltimento degli animali non è ancora ben definita, per ora i Carabinieri hanno recuperato il veleno utilizzato dal pastore e la posizione dell’uomo è ora al vaglio delle forze dell’ordine. Un campione della sostanza tossica e il corpo di uno dei cani sono stati inviati all’Istituto Zooprofilattico per le analisi.

1 luglio 2014
Lascia un commento