Dalle mele un aiuto naturale per la prevenzione del tumore al colon. A sostenerlo uno studio realizzato dall’Istituto di scienze dell’alimentazione del CNR, i cui ricercatori sembrano aver individuato nel popolare frutto importanti proprietà antitumorali. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Scientific Reports.

Mangiare una mela al giorno aiuterebbe quindi a ridurre il rischio di manifestare un tumore al colon-retto, riferiscono i ricercatori italiani, malgrado il processo molecolare risulti per il momento ancora poco chiaro.

=> Leggi come una mela al giorno aiuti a ridurre l’assunzione di farmaci

Secondo quanto ha spiegato Angelo Facchiano, tra gli autori della ricerca, l’individuazione di quale tipo di cellula debba essere al centro di attenzioni particolari è importante, ha dichiarato lo studioso, tuttavia non risulterebbe sufficiente:

Per avere una visione completa e mettere a punto eventuali terapie è necessario conoscere quali sono i meccanismi molecolari e quali proteine sono coinvolte.

=> Scopri i benefici della mela nel prevenire infarto e ictus

Tre le varietà di mela analizzate durante la ricerca: la annurca, la golden delicious e la red delicious. Stando ai risultati ottenuti, spiega Facchiano:

I polifenoli della mela ostacolano in particolare la replicazione ed espressione del DNA nelle cellule cancerose del colon, in particolare questo impedisce loro di duplicarsi e far crescere la massa tumorale.

Abbiamo scoperto inoltre che le proteine sulle quali i polifenoli potrebbero agire sono le stesse con cui interagiscono alcuni farmaci antitumorali recentemente sviluppati.

Molteplici test sono stati effettuati grazie all’ausilio di computer per analizzare quali interazioni avvenissero tra proteine umane e antiossidanti contenuti all’interno di questo frutto. Uno strumento che potrà rivelarsi di grande utilità nell’evoluzione futura della ricerca, spiegano in conclusione i ricercatori:

Si tratta di una metodologia che offre grandi potenzialità e opportunità, tra cui quella di limitare la necessità di esperimenti di laboratorio che richiederebbero l’uso di reagenti costosi e strumentazioni complesse.

20 ottobre 2016
Fonte:
I vostri commenti
gino, sabato 22 ottobre 2016 alle7:56 ha scritto: rispondi »

vorrei avere notizie sulla mela fusgi non so il nome è scritto in modo corretto

Lascia un commento