Una dieta veloce per dimagrire senza rinunce è il sogno di tutte le donne, soprattutto dopo gli stravizi delle festività natalizie. Ma affinché si ottengano i migliori risultati bisogna tenere a mente alcune regole basilari come per esempio non credere alle diete miracolose del tipo “7 chili in 7 giorni” che non esistono e comunque danneggerebbero solamente la salute e i tessuti.

Dimagrire significa invertire il rapporto massa magra-massa grassa ovviamente a favore della prima che è quella costituita da muscoli che bruciano i grassi e consentono quindi di perdere chili gradualmente e in salute. Una dieta equilibrata prevede all’incirca la perdita di un chilogrammo a settimana, oltre questo risultato vuol dire che si stanno perdendo solo liquidi.

Il target da raggiungere di un chilo in meno a settimana si ottiene tagliando un tot di kcal al giorno, che vanno conteggiate in base alle proprie abitudini alimentari ed esigenze. Inoltre nessuna dieta può funzionare se non viene abbinata a un costante e corretto esercizio fisico.

Se non è possibile frequentare un corso di fitness in palestra basta seguire alcuni semplici accorgimenti come fare le scale invece di prendere l’ascensore, o parcheggiare la macchina un po’ più distante per fare una camminata. Venti minuti al giorno di movimento fisico possono essere sufficienti a perdere peso perché stimolano il metabolismo e tonificano i muscoli che come abbiamo detto consumano molti grassi.

Da un punto di vista strettamente alimentare tagliare calorie in una dieta dimagrante veloce significa mangiare meno, ma soprattutto essere attenti a cosa si elimina, vanno banditi i grassi, i fritti, i dolci e i condimenti troppo elaborati per lasciare spazio invece a verdure e frutta di stagione, fibre, carni bianche e pesce, pasta condita con pomodoro e olio a crudo e bere molta acqua, almeno 2 litri al giorno per eliminare le tossine e favorire la diuresi. Meglio invece limitare l’alcool che contiene calorie cosiddette “vuote” ovvero senza nutrimento.

Inoltre è meglio mangiare poco e spesso che tanto in pochi pasti. Sono 5 i momenti dedicati all’alimentazione giornaliera, i 3 principali, colazione, pranzo e cena, più uno spuntino a metà mattinata e una merenda a base di succhi di frutta naturali, yogurt o frutta.

Buona abitudine è anche quella di masticare a lungo e lentamente il cibo affinché sia meglio digerito e perché questo semplice accorgimento permette di ingerire minori quantità di alimenti in quanto si raggiunge prima il senso di sazietà. Infine controllare quotidianamente i progressi sulla bilancia può essere un ottimo stimolo a continuare nella dieta dimagrante sentendosi subito più soddisfatte e appagate. E per bruciare ancora meglio le calorie in eccesso occorre concedersi un sonno di almeno 7-8 ore per notte: ne guadagnerete in bellezza e in salute.

26 marzo 2013
I vostri commenti
Rita, domenica 8 maggio 2016 alle2:47 ha scritto: rispondi »

Mi potete mandare la dieta suddivisa in giorni della settimana. Grazie

Lascia un commento