Gli orsi si confermano nuovamente fra gli animali più curiosi e simpatici presenti in natura. E dopo le immagini di un gruppo di esemplari pronto a lanciarsi in un’improvvisata pole dance attorno a un albero e l’orsetto terrorizzato da uno Yorkshire, è il turno della moto d’acqua. Un piccolo orso è stato immortalato in Alaska mentre sale su un acquascooter, mettendosi alla posizione di comando.

È Graham Morrison, proprietario del Morrison Fishing Guide Service, ad aver immortalato il singolare esemplare nei pressi del fiume Naknek. Immerso in acqua con mamma orsa per una battuta di pesca, il cucciolo è stato attratto dal mezzo motorizzato ed è quindi montato a bordo. E il tutto nonostante l’orsa cercasse di farlo desistere per tornare in acqua, tra ruggiti arrabbiati e avvicinamenti nervosi, per mangiare un lauto pasto a base di salmone.

In realtà, secondo l’uomo l’orso sarebbe salito sulla moto d’acqua proprio per distrarre la madre dalla battuta di pesca, forse perché annoiato o per rubarle di soppiatto il pesce già raccolto. Sebbene nulla sia successo agli animali e ovviamente il cucciolo non abbia avviato i motori, è divertentissima l’immagine che lo ritrae: seduto a cavallo del sellino con le zampe poggiate al manubrio, da perfetto “motociclista” pronto a solcare le acque.

Nonostante la stazza, gli orsi sono generalmente degli animali capaci di convivere serenamente con l’uomo: se non si sentono minacciati, è raro infatti che attacchino. Certo, non possono essere considerati dei cuccioli domestici o una specie con cui si può liberamente familiarizzare, ma le storie sulla loro temibile ferocia sono in realtà quasi sempre leggende. I loro attacchi possono essere sì feroci e mortali, ma si tratta di evenienze rare che si verificano quando l’uomo li mette in pericolo, li spaventa o minaccia la prole. Normalmente, è più probabile che siano interessati alle ghiottonerie nascoste nella credenza di casa – dove si spesso si intrufolano nelle zone ad alta densità di esemplari – che alla lotta con l’uomo.

9 agosto 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento