Un gatto candidato sindaco alle elezioni comunali: succede a Xalapa, in Messico, dove un simpatico micio bianco e nero ha attirato tutte le attenzioni dei media, oscurando gli altri canditati umani. Il tutto nasce da un’iniziativa di protesta, immediatamente diventata virale grazie a Facebook e Twitter.

>>Scopri il gatto sindaco in Alaska

Si chiama El Candigato – un gioco di parole più che efficace – e promette di liberare la città dai topi, di dormire a lungo e di far le fusa per tutti i cittadini, senza distinzione alcuna. E per farlo è ricorso a manifesti eccellenti, sulla falsa riga della campagna presidenziale di Barack Obama: «Yes, we cat».

Ovviamente il micio non entrerà mai nel comune di Xalapa e il suo nome non è ufficialmente riportato sulla scheda elettorale. Morris, questo il nome reale del felino, è soltanto il portavoce dell’insoddisfazione dei cittadini: l’iniziativa, infatti, spinge gli elettori a scrivere il nome del micio o a farne un disegnino sulla scheda elettorale, come risposta all’inadeguatezza dei candidati reali.

La protesta è nata da un gruppo di studenti armati di computer, Photoshop e tanto spirito d’iniziativa. La pagina Facebook del Candigato è stata letteralmente presa d’assalto – supera tutti gli avversari politici di almeno 20.000 “mi piace” – e così è stato anche per Twitter. Dal virtuale al reale il passo è stato breve: in poco tempo dal lancio della comunicazione virale, la città è stata tappezzata di manifesti e volantini con protagonista il simpatico Morris. Queste le dichiarazioni di Jair Cuevas, uno fra gli studenti ideatori della protesta:

I candidati qui non mantengono quasi mai le loro promesse. Il nostro candidato promette di dormire, mangiare, sbadigliare e giocare ed è proprio quello che farà se vincerà le elezioni.

>>Scopri i gatti protagonisti di Instagram

Melina Zurita, una giornalista locale, spiega il successo del gatto nell’indignazione che il progetto è riuscito a intercettare nell’opinione pubblica. La motivazione è tanto semplice: dato che i politici non sembrano voler far nulla per la popolazione, tanto vale consegnare le loro poltrone a un gatto. Non farà ugualmente nulla, ma almeno non sperpererà denaro pubblico.

Questi sentimenti di frustrazione nei confronti dei politici non sono diffusi solo fra i cittadini di Xalapa, Morris riceve messaggi da tutto il Messico ed è stato menzionato in molti quotidiani esteri.

I risultati elettorali saranno disponibili dopo il 7 luglio, giorno delle votazioni. Nel frattempo, in bocca al lupo al Candigato.

14 giugno 2013
Via:
Lascia un commento