Un delfino completamente rosa ha fatto la sua apparizione in un lago della Louisiana, per quello che è un avvistamento davvero unico. Pare, tuttavia, che il mammifero marino abiti quelle zone dal lontano 2007 e i pescatori locali affermano di averlo notato con una certa frequenza, tanto da aver coniato per lui il soprannome Pinky.

La colorazione del delfino deriva da una semplice mutazione genetica: l’animale è infatti un esemplare albino, così come diversi ne sono stati rilevati dagli scienziati negli anni. Solitamente, però, questi mammiferi vivono al largo degli oceani Atlantico e Pacifico e raramente si avvicinano alle coste.

Pinky si è invece mostrato nelle acque del lago Charles, uno dei più estesi degli Stati Uniti, risalendo probabilmente il canale nautico del Caucasieu, che collega appunto la distesa con le acque del Golfo del Messico. E qui pare soggiornare da anni, sebbene non sia dato sapere se la sua presenza sia solamente occasionale e stagionale oppure fissa.

Il delfino non sarebbe solo nelle sue esplorazioni al lago, ma parrebbe appartenere a un branco ben più nutrito, dove è però l’unico di color rosa. Così spiega Eric Rue, un capitano navale di frequente nella zona, il quale si è avvicinato a Pinky in diverse occasioni:

Ho incontrato un piccolo gruppo di delfini e ne ho notato uno leggermente più chiaro. Era incredibilmente rosa, non avevo mai visto nulla del genere. È dello stesso colore su tutto il corpo e sembra sia uscito da una camera di verniciatura. […] Con il passare del tempo il piccolo mammifero è cresciuto e a volte si avventura lontano dalla madre per mangiare e giocare, ma sempre nelle vicinanze del branco. Sorprendentemente, non sembra essere affetto in modo drastico dall’ambiente o dalla luce del sole nonostante la sua condizione, sebbene tenda a rimanere sotto la superficie dell’acqua più a lungo rispetto ai suoi compagni.

11 settembre 2013
Immagini:
I vostri commenti
Ciro Esposito, giovedì 12 settembre 2013 alle17:21 ha scritto: rispondi »

E' di plastica come il mostro di loch-ness

Lascia un commento