Si chiama Ciccio e ha 12 primavere, da due mesi il mansueto pastore tedesco soggiorna ai piedi dell’altare della chiesa di San Maria Assunta a San Donaci vicino a Brindisi. È una visione che strappa il cuore, accolta senza riserve da tutti i fedeli della piccola comunità pugliese.

Le settemila presenze di San Donaci lo hanno adottato in silenzio, dopo la prematura scomparsa dell’amata proprietaria. Lei, Maria Lochi di 57 anni, conosciuta da tutti come Maria te lu campu, è scomparsa da circa due mesi. La donna molto riservata aveva dedicato la sua esistenza al recupero dei cani randagi, che accudiva con amore e affetto.

>>Leggi la storia del gatto che visita la tomba del proprietario

Ciccio è uno dei suoi piccoli amici di strada, forse il più amato e fedele, e per questo sempre al suo fianco. Anche in chiesa, dove aspettava con pazienza sul sagrato che la funzione terminasse per ricongiungersi con l’adorata Maria. Oppure fuori dai negozi, mentre la donna faceva la spesa e le commissioni.

Il non più giovane pastore tedesco era molto amato anche dai cittadini del piccolo paese, Maria lo aveva educato a porgere rispettosamente la zampa. La morte improvvisa della donna ha lasciato un vuoto incolmabile nella vita del cane e ogni sera l’attende durante la messa serale. Lo stesso parroco si è dimostrato magnanimo e dal giorno della funzione, durante la quale il cane ha varcato per la prima volta la soglia della chiesa, ha concesso a Cicco di sonnecchiare mesto ai piedi dell’altare.

>>Scopri il cane che vive sulla tomba del proprietario

La sua è una presenza silenziosa, rispettosa, malinconica, che strappa il cuore a chi ogni sera assiste alla funzione. Ciccio ha perso l’amore più caro, ma ha guadagnato l’affetto di una grande famiglia sempre prodiga a donargli cibo, cure e un tetto dove dormire.

15 gennaio 2013
Fonte:
Lascia un commento