UK, stop alla plastica: a Londra acqua gratis e latte in vetro

La lotta della Gran Bretagna contro la plastica è iniziata con acqua gratis e latte in vetro. Londra ha deciso di dire basta all’inquinamento attraverso un apposito piano triennale che prevede l’investimento di 750 mila sterline.

L’obiettivo è quello di realizzare solo a Londra 20 fontane pubbliche che permetteranno a turisti e residenti di riempire delle bottiglie di vetro con l’acqua da bere invece che rivolgersi all’acquisto di bottiglie di plastica nei supermercati. L’Inghilterra ha deciso di dare ampio spazio al ritorno delle bottiglie di vetro, per allontanare sempre di più l’utilizzo dei contenitori in plastica.

=> Scopri le Ford Smart Benches, panchine intelligenti con caricabatterie e WiFi

Non si tratta però solo di fontane pubbliche da installare nella capitale. Altre misure sono quelle adottate dalla grande distribuzione, che preferisce sempre di più rivolgersi alla creazione di bibite in bottiglie di vetro, e da chi vende latte, che è spinto a portare a domicilio i propri prodotti in appositi contenitori di vetro.

=> Scopri i nuovi obiettivi della Gran Bretagna per le rinnovabili

Il piano triennale è stato messo a punto dal sindaco di Londra, Sadiq Khan, che con una quantità di soldi pari a circa un milione di euro vuole creare un insieme di fontane pubbliche capaci di permettere anche agli abitanti della città di riempire le bottiglie che portano da casa, con un risparmio notevole, anche perché l’acqua verrà offerta gratuitamente. In questo modo si potranno riutilizzare le stesse bottiglie.

Novità di rilievo anche per il latte, che fino al 1975 veniva distribuito in una percentuale del 90% casa per casa nelle bottiglie di vetro ogni mattina. Nel 2016 la percentuale è scesa al 3%, visto il moltiplicarsi dei contenitori in plastica. Le iniziative contro l’inquinamento degli ultimi anni hanno permesso una ripresa del settore dei lattai, con vendite che hanno raggiunto le 800 mila al giorno nello scorso anno e con un continuo aumento delle richieste.

26 gennaio 2018
Lascia un commento