UE: autorizzati 5 OGM per cibi e mangimi

La Commissione europea ha autorizzato l’uso nell’UE di cinque organismi geneticamente modificati (OGM) in alimenti e mangimi. Ciò significa che gli Stati Membri che vorranno impiegarli nei cibi destinati ai consumatori e nell’alimentazione animale avranno il sostegno della Commissione, per i prossimi 10 anni.

=> Scopri cosa sono gli OGM


Nello specifico, si apprende che è stato dato il via libera a due nuove autorizzazioni (mais MON 87427 x MON 89034 x NK603, mais 1507 x 59122 x MON 810 x NK603) e che altre 3 esistenti sono state rinnovate (mais DAS-59122-7, mais GA21, barbabietola da zucchero H7-1) per l’uso di questi OGM in cibi e mangimi. Saranno valide per ben dieci anni e, come ricorda in una nota la Commissione Europea, tutti i prodotti ottenuti da questi organismi geneticamente modificati saranno soggetti alle regole di etichettatura e di tracciabilità attualmente in vigore nell’UE.

Tutti questi organismi geneticamente modificati hanno subito una procedura di autorizzazione completa, compresa una valutazione scientifica favorevole da parte dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

La decisione giunge dopo che i Paesi Membri non hanno raggiunto un’intesa sia nel comitato di autorizzazione che in quello di appello. Ma, come si legge nella nota:

Tutti gli Stati membri avevano il diritto di esprimere un’opinione in seno al comitato permanente e successivamente al comitato per i ricorsi, e il risultato è che la Commissione europea ha il sostegno legale degli Stati membri per procedere.

=> Scopri perché il mais OGM non farebbe male alla salute


Quindi, da ora in poi, la presenza di mais e barbabietola da zucchero geneticamente modificate in alimenti e mangimi per animali dovrà essere indicata in etichetta, ma rimarrà consentita.

6 agosto 2018
Fonte:
Lascia un commento