Ucciso Kaos, il cane simbolo di Amatrice

UPDATE: In un recente intervento per il quotidiano Il Messaggero, il proprietario ha specificato come il cane Kaos sia intervenuto a Campotosto anziché ad Amatrice. Leggi gli aggiornamenti qui.

Era da molti considerato uno dei simboli di Amatrice, uno di quei cani che per giorni ha lavorato ininterrottamente per la ricerca di superstiti sotto le macerie del terremoto. Eppure, nonostante questa dedizione nel salvare vite umane, è venuto a mancare proprio per l’azione dell’uomo: Kaos, un esemplare di razza Pastore Tedesco, è stato infatti rinvenuto senza vita, forse avvelenato.

A darne comunicazione è la onlus Animalisti Italiani, così come specifica Repubblica, con una conferma poi giunta da Fabiano Ettorre, l’addestratore del cane. Così come riferisce il quotidiano, l’uomo avrebbe sottolineato la possibilità di un’uccisione tramite avvelenamento, dalle condizioni in cui il cane è stato rinvenuto.

=> Scopri la gatta ritrovata ad Amatrice dopo mesi


Dalle condizioni in cui è stato trovato l’animale, nel giardino di casa, al 99 per cento la morte sarebbe riconducile ad un crudele avvelenamento.

Sul caso stanno già indagando i carabinieri forestali, i quali hanno già condotto dei sopralluoghi all’interno del giardino di casa dove è stato scoperto il cane, a Sant’Eusanio Forconese in provincia de L’Aquila, così come sempre Repubblica riferisce.

Nel frattempo, l’addestratore ha voluto affidare il suo ultimo e addolorato saluto alla piattaforma Facebook, non solo con un messaggio d’affetto, ma anche con un video pronto a dimostrare l’abilità e il coraggio del quadrupede scomparso:

=> Scopri Lola, la cagnolina ritrovata ad Amatrice


Ciao amico mio! Hai lasciato un vuoto incolmabile per mano di una persona meschina… continua il tuo lavoro lassù, continua a cercare dispersi, a salvare vite umane… Non provare odio per chi ti ha fatto ciò, anzi se un domani avrà bisogno aiutalo sii superiore e quanto ti guarderà negli occhi e vedrà che sei tu il suo Salvatore morirà lentamente da solo… Kaos ne abbiamo viste tante… aiutati tanti e tanti non ci siamo riusciti… Hai lavorato giorno e notte, quando è servito non ti sei mai risparmiato… sei stato un amico fedele abbiamo condiviso e diviso casa… divano… tutto… corri amico mio, corri non ti fermare un giorno ci abbracceremo nuovamente.

30 luglio 2018
Fonte:
I vostri commenti
Roberta Perugia , mercoledì 1 agosto 2018 alle8:27 ha scritto: rispondi »

Questi individui sono individui spregevoli, sadici, provano piacere a far del male ad altri esseri viventi, specie animali e persone in minorata difesa. Spero vivamente che i Carabinieri, il Corpo Forestale indaghi a tutto campo e che anche la gente del posto parli.....tanto si sa sempre chi è più rozzo ed incivile degli altri, ogni piccolo particolare può aiutare! Il suo papà lo ha sentito abbaiare l'ultima volta alle 2:00 di notte, forse già avevo visto e sentito movimenti strani...povera creatura, avvelenato, che vigliacco che sei, meschino, uomo vile, spero pagherai con pene severe quaggiù e nell'aldilà devi soffrire e capire cosa hai fatto e sentirti ciò che sei, ovvero una nullità. Aspettiamo le indagini, voglio essere fiduciosa....

Massimo, martedì 31 luglio 2018 alle11:58 ha scritto: rispondi »

Cosa scrivere!! Dovessi scrivere quel che penso mi sa che mi prenderei una denuncia. Dico solo che non ci sono sufficenti punizioni ,e se ci sono non vengono sempre messe in atto,per delle persone che al posto del cervello e del cuore hanno pietre. Siamo destinati a peggiorare di giorno in giorno. lo stiamo vedendo tutti ma nessuno interessa...! Saluti. Massimo

Lascia un commento