Argo, un bellissimo esemplare di Setter Inglese, è stato ucciso domenica pomeriggio da due colpi di pistola. Non un caso fortuito, un errore di caccia come tanti purtroppo se ne leggono sulla cronaca, ma l’azione deliberata di un passante infuriato. Due colpi calibro 7,65, sparati a due metri di distanza: succede a Orosei, in Sardegna, così come denuncia il proprietario.

Franco Murro, titolare di un negozio di calzature e grande appassionato di cani, la scorsa domenica stava portando a spasso i suoi esemplari sulla strada comunale Orosei-Dorgali. Allontanatosi il Setter di una ventina di metri, l’uomo ha sentito il fragore di due spari. Raggiunto il cane, ormai senza vita, ha affrontato il colpevole – un sessantenne della zona – chiedendo il perché di così tanta violenza.

I cani non li posso vedere, se avessi saputo fosse il tuo non gli avrei sparato. Ma ringrazia che gli altri due non erano con lui, sennò avrei ucciso anche loro.

Un gesto incomprensibile anche perché, così come riporta la stampa locale, nulla avrebbe potuto suggerire il cane fosse randagio o particolarmente aggressivo. Dal manto curato e dall’indole molto affettuosa, il Setter pare fosse ben voluto da tutti, tanto da non aver mai suscitato alcuna preoccupazione sul suo comportamento. L’uomo, che detiene regolarmente l’arma, è stato denunciato a piede libero per uccisione e maltrattamento di animali. Le conseguenze rischiano di essere particolarmente dure, perché la normativa prevede sia sanzioni pecuniarie che la detenzione in carcere. E per l’aggressore paiono non esserci scusanti, anche perché sembra abbia confermato quanto accaduto una volta interrogato dalle forze dell’ordine.

Non è la prima volta che si leggono simili notizie sulla stampa, negli ultimi mesi particolarmente frequenti. Dal gatto usato come bersaglio per arco e freccia – e miracolosamente sopravvissuto – al ladro che uccide un cane facendolo a pezzi con una spada samurai, la cronaca riporta vicende così tristi e incomprensibili ormai quotidianamente. Ancora molto deve essere fatto, allora, per educare le persone al rispetto dei diritti degli animali.

26 febbraio 2014
I vostri commenti
Failli, giovedì 17 aprile 2014 alle7:16 ha scritto: rispondi »

Che vergogna bisogna farci pulire nei canili per 10 anni

gabry, domenica 2 marzo 2014 alle8:38 ha scritto: rispondi »

Ad un'affermazione "i cani non li posso vedere" la dice lunga; questo essere spregevole non solo dovrebbero come dice Roby1747 mandarlo ( vita natural durante) tutti i giorni a pulire i canili fino a che non capirà che i cani sono certo meglio di lui.

Giovanni, sabato 1 marzo 2014 alle20:16 ha scritto: rispondi »

Nel Comune di Orosei la sensibilità verso gli animali lascia molto a desiderare, un evento del genere me lo aspettavo. Spesso i cani che non sono 'abili' alla caccia o troppo anziani vengono abbattuti nelle campagne. Esse stesse pullulano di lager fatti di lamiere e catene dove nessuno si preoccupa di contrastare ciò che la legge definisce reato. Responsabili sono tutti gli organi di pubblica sicurezza più indaffarati a presidiare bar che estendendo le loro funzioni al servizio dei cittadini. Qui detenere cani come oggetti ha assuefatto il giudizio!!!

Roby1747, mercoledì 26 febbraio 2014 alle14:48 ha scritto: rispondi »

Propongo una variante alla Legge del Taglione: Chi si comporta così, dovrebbe subire "la condanna" all'assistenza Gratuita dei cani nei canili, pulendone quotidianamente gli escrementi, lavandoli e coccolandoli, fino al superamento della Sua frustrazione! Non esistono cani cattivi ma, solo cattivi padroni maleducati ed incivili( cosa che non mi pare, nel caso del Setter in questione)!

gabriele, mercoledì 26 febbraio 2014 alle14:42 ha scritto: rispondi »

se ho capito bene a piede libero ma stiamo a scherzare ma dove sono i politici ma lo prendono lo stipendio a fine mese credo si quindi in 5 minuti una legge che per casi di quedsto genere non solo arresto in flagranza di reato o semiflagramza con 20 anni di carcere ma anche sequestro di tutti i beni personali e poi è meglio che non scrivo come la penso per chi invece fa del male alle persone umane anche qui purtroppo la legge è molto lontana da come la penso io

Lascia un commento