Lo scatto è immediatamente divenuto virale, complici un gran numero di condivisioni sia su Twitter che su Facebook. Eppure alla base di questa foto molto divertente, così come spiegano alcuni esperti proprio sui social, vi potrebbe essere un problema più grande: quello dell’inquinamento cittadino. Protagonista della vicenda è un simpatico uccellino che, portata alla bocca una sigaretta forse trovata incustodita, sembra stia fumando.

Il tutto è accaduto per le strade di Manchester, nel Regno Unito, dove un passante ha incontrato una gazza con una sigaretta spenta stretta fra il becco. Uno scatto originale e molto simpatico, accompagnato dalla didascalia “nel frattempo a Manchester…”. La fotografia ha subito colto i favori dei navigatori sui social network, tanto che della gazza fumatrice sono già apparsi numerosi meme. Eppure, così come qualcuno sottolinea, lo scatto sarebbe dimostrazione di un problema più grande.

Come ben noto, le gazze sono solite raccogliere dal suolo qualsiasi elemento catturi la loro attenzione, per poi conservare il frutto dei loro continui furti gelosamente nel nido. Di norma questi uccelli sono attirati da oggetti scintillanti, ma non capita di rado dirigano le loro attenzioni anche su altri esemplari. Evidentemente l’esemplare di Manchester deve essere stato colpito da un mozzicone abbandonato al suolo, tanto da raccoglierlo e portarlo con sé.

Il problema dei mozziconi abbandonati per strada, così come anche cartacce o gomme da masticare, è tuttavia una questione molto delicata proprio per la sopravvivenza dei volatili. Sebbene le gazze non siano solite ingoiare simili oggetti, altre specie – dai passeri ai picconi – potrebbero scambiare sigarette consumate per bocconi di pane, ingoiandoli. Un fatto che può portare a serie conseguenze all’apparato digerente di questi animali, con un blocco della normale digestione e anche il rischio di decesso. Per questo motivo, è sempre consigliabile avvalersi degli appositi posacenere pubblici, solitamente inclusi nei cestini cittadini, oppure dotarsi di pratiche bustine in plastica rigida, pensate appositamente per questo scopo.

14 gennaio 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
UPI
Immagini:
I vostri commenti
maria, sabato 16 gennaio 2016 alle5:23 ha scritto: rispondi »

e cosa dire delle cacche dei cani abbandonate a profusione sui marciapiedi, originariamente nati per i pedoni, non per wc a cielo aperto per i cani!

Lascia un commento