La sharing economy continua a crescere in Italia. I servizi di car sharing, in particolare, stanno riscuotendo sempre più successo con numeri importanti. Uno degli ultimi arrivati è Ubeeqo, un servizio evoluto che a differenza di enjoy e car2go non è free floating ma a postazione fissa. Per scoprire i vantaggi e le funzioni offerte da Ubeeqo abbiamo intervistato Nadia Sillano, managing director di questo nuovo car sharing che sta muovendo i suoi primi passi a Milano.

Ubeeqo è una nuova realtà attiva nel settore, sempre più affollato, dei servizi di car sharing a Milano. Quali sono le sue caratteristiche distintive rispetto alla concorrenza?

Ubeeqo è un carsharing a postazioni fisse e non un free floating come Car2Go, Enjoy, DriveNow o Sharen’go. I parcheggi fissi su strada garantiscono la disponibilità del veicolo nel futuro in un luogo preciso e quindi ai nostri utenti di programmare e prenotare in anticipo il viaggio (fino a 1 mese prima). L’utente può infatti contare sulla certezza dell’auto, senza sobbarcarsi gli onerosi costi di un’auto di proprietà.

Altro fattore distintivo rispetto agli altri carsharing è il fatto che Ubeeqo offre all’utente la scelta tra numerosi modelli diversi: la nostra flotta, infatti, va dalla Smart all’utilitaria, alla familiare, alla berlina, fino al Cargo. Questo permette all’utente di scegliere non solo il parcheggio più comodo da cui partire, ma anche la vettura più adatta alle proprie esigenze.

E ancora, il noleggio del carsharing Ubeeqo parte da un minimo di un’ora fino a qualche giorno o addirittura a periodi più lunghi, per esempio d’estate. Sempre offrendo all’utente assicurazione e carburante inclusi nel prezzo.

Insomma, la formula di carsharing Ubeeqo combina i vantaggi del carsharing e della comodità keyless, con quelli del noleggio, diventando la soluzione perfetta per chi vuole l’auto soltanto quando ne ha effettiva necessità e potendo scegliere il modello più adatto alle diverse esigenze.

car2go e enjoy hanno avuto notevole successo, sia a Milano che a Roma, che numeri vi aspettate su Milano?

Siamo già partiti con un buon numero di vetture, oltre 150 per ora, flotta che continuerà a crescere seguendo le richieste dei nostri utenti. Al momento, circa 10 mila milanesi, privati, professionisti e aziende utilizzano il servizio in sostituzione all’auto di proprietà e in combinazione con altri mezzi di spostamento. Contiamo di incrementare sia il numero di utenti sia le corse fatte dai Milanesi sulle vetture Ubeeqo!

Quali sono secondo lei i vantaggi a livello ecologico derivanti dall’utilizzo di un servizio come Ubeeqo?

Il carsharing contribuisce a ridurre il numero delle auto parcheggiate su strada, liberando spazi urbani di cui i cittadini si possono riappropriare. In particolare, il carsharing a postazioni fisse, come quello di Ubeeqo, permette di ridurre le auto di proprietà dei cittadini. Diverse ricerche, sia italiane sia internazionali, evidenziano, infatti, che un’auto in carsharing elimina dalla circolazione dalle 7 alle 9 auto di proprietà. Senza contare che i veicoli del carsharing sono controllati regolarmente e normalmente sostituiti ogni 2 anni, il che permette di guidare veicoli ai massimi livelli di sicurezza e rispondenti alle norme antinquinamento più recenti.

E a livello economico?

Chi possiede un’auto conosce bene i costi che ne derivano: oltre all’acquisto, i costi di mantenimento sono molto alti nonostante un’auto a Milano rimanga parcheggiata per il 95% della sua vita. Considerando tutte le spese, il costo mensile per possedere un’auto a Milano va dai 400 ai 600 euro mensili. Chi percorre meno di 10.000 km all’anno, difficilmente rientra in questo investimento. Quindi, potendo scegliere se pagare un’auto solo quando serve e non ogni giorno, è evidente che il servizio di carsharing di Ubeeqo permette di ottenere un notevole risparmio anche per il portafoglio!

Quali saranno le prossime città dove porterete il vostro servizio?

Ubeeqo è già presente nelle principali capitali europee: Parigi, Londra, Berlino, Amburgo, Bruxelles, Madrid e Barcellona. Per il momento in Italia ci vogliamo concentrare su Milano.

25 luglio 2017
Lascia un commento