Tumori: mela annurca rimedio contro caduta capelli per chemioterapia

Un recente studio italiano ha dimostrato che, in caso di tumori, quando i pazienti si devono sottoporre alla chemioterapia con possibile conseguenza la caduta dei capelli la mela annurca potrebbe costituire un rimedio efficace per contrastare l’inconveniente.

A scoprire tutto ciò sono stati i ricercatori dell’Istituto Nazionale Tumori, Fondazione Pascale, in collaborazione con gli esperti del Dipartimento di Farmacia dell’Università di Napoli Federico II. L’obiettivo è quello di mettere a punto un integratore proprio a base di mela annurca che possa essere benefico per i pazienti in cura per i tumori.

=> Scopri i benefici della mela annurca contro colesterolo LDL e calvizie

Si tratta di uno studio ancora sperimentale, ma che apre importanti prospettive per il futuro, facendo affidamento non su farmaci derivanti da sostanze chimiche, ma su elementi tratti dalla natura. Gli studiosi hanno verificato che alcune componenti contenute in questo tipo di mela si sono rivelati molto utili influendo positivamente contro la caduta dei capelli negli individui sani.

Poi hanno sperimentato una dose ingente di un integratore a base di mela annurca nei soggetti che dovevano affrontare la chemioterapia. I pazienti ammalati hanno preso l’integratore un mese prima della terapia e hanno continuato ad assumerlo durante tutto il ciclo di chemioterapia.

=> Scopri i benefici delle mele nella prevenzione del tumore al colon

In questo modo si è potuto vedere che in alcuni soggetti i capelli non sono caduti. Secondo quanto ha riferito Ettore Novellino, direttore del Dipartimento di Farmacia dell’Università Federico II:

In base ai nostri studi preliminari l’utilizzo per alcune settimane dell’estratto procianidinico di mela annurca nei malati di cancro, preventivamente all’avvio dei cicli di chemio e durante il trattamento, sembrerebbe ridurre o bloccare la caduta dei capelli.

Una nuova sfida per la cura dei tumori e per contrastare gli effetti negativi delle tradizionali terapie a cui si devono sottoporre i malati. I ricercatori sono partiti da uno studio in cui alcuni individui assumevano l’integratore a base di mela annurca per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e poi hanno voluto applicarlo anche in altri ambiti, riscontrando risultati eccezionali.

Tutto sarebbe merito della procianidina B2, una sostanza presente abbondantemente nella mela annurca. La procianidina sarebbe capace di attivare la fase di crescita del capello, salvaguardando il bulbo pilifero e prolungando la fase di mantenimento del capello stesso. Questa protezione viene attivata per mezzo del blocco di una proteina, chiamata TGF Beta 2, che svolge un ruolo fondamentale nella caduta.

6 marzo 2018
Lascia un commento