Tumori: cibi alleati del cancro, la lista secondo gli esperti

Zucchero bianco, prosciutto cotto e carni rosse sarebbero gli alimenti correlati al cancro, i più pericolosi, il cui consumo dovrebbe essere evitato per contrastare in parte l’insorgenza di certe patologie. Lo specifica il professor Franco Berrino, epidemiologo, dal 1975 allo IEO di Milano e autore di studi internazionali sulla prevenzione del cancro attraverso il cibo.

Lo stesso Berrino ha spiegato quali siano state le radici di questa lista, nata per orientare i pazienti verso una dieta più sana e ridurre il rischio tumori:

Un giorno, mentre spiegavo alle mie pazienti coinvolte nel Progetto DIANA (nato sulla prevenzione delle recidive sul cancro al seno) cosa è meglio mangiare, finimmo a parlare di zucchero. Io ne presi un sacchetto a metà e lo consegnai a ciascuna di loro con una raccomandazione: questa è la quantità che dovete consumare. Domanda: in un anno? Risposta mia: no, per tutta la vostra vita.

=> Scopri i benefici della mela annurca in caso di tumori e chemioterapia

Secondo Berrino lo zucchero sarebbe l’alimento più pericoloso, ma rischi elevati derivano dal consumo degli insaccati e degli affettati (“soprattutto il prosciutto cotto”), seguito poi dalle carni rosse. Cibi da evitare appunto per meglio tutelarsi dal cancro. La soluzione secondo l’esperto è cambiare tipo di alimentazione e stile di vita, con il consiglio di non mangiare tutto ciò che “è morto” per dare invece priorità a cereali integrali, legumi, frutta e verdura.

=> Leggi quali sono i tumori associati alla vita sedentaria

Variando moltissimo tra questi, dato che ogni alimento ha la sua specificità nutritiva. Il pesce si salva poiché contiene Omega 3, che hanno funzioni antinfiammatorie. Per ridurre la possibilità di avere il cancro occorre anche fare più attività fisica. Ogni tanto, viene suggerito anche un po’ di digiuno, che secondo Berrino:

si può praticare in varie modalità. Per 16-18 ore, cioè saltando la cena. Per 24 ore. Per 36. O per 2/3 giorni non consecutivi alla settimana. Il cosiddetto digiuno intermittente.

6 marzo 2018
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento