Alcune pratiche possono aiutare a ridurre il rischio di tumore al seno. A fornire la lista delle sostanze da evitare sono stati alcuni ricercatori statunitensi del Silent Spring Institute, nello Stato del Massachusetts, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Health Perspectives.

Stando a quanto affermano i ricercatori nordamericani, contro il tumore al seno esistono alcuni possibili fattori di rischio “ambientali” che possono essere controllati e quindi, almeno in parte, neutralizzati. Tra questi troviamo sostanze chimiche emesse dalle auto, inclusi benzina e gasolio, i disinfettanti utilizzati per il trattamento dell’acqua potabile, vernici e solventi, sostanze ignifuche e tessuti antimacchia.

Tutti queste sostanze provocherebbero un innalzamento del rischio di tumore al seno nelle donne, utile quindi intervenire nelle proprie “routine” quotidiane evitandone il contatto o l’esposizione. Come spiega la Dr.ssa Ruthann Rudel, a capo del dipartimento di ricerca del Silent Spring Institute:

Questa ricerca offre una linea guida per la prevenzione del cancro al seno identificando prodotti chimici a cui le donne sono più spesso esposte e mostra anche come misurare tale esposizione queste informazioni indirizzeranno le iniziative volte a ridurre l’esposizione ai prodotti chimici legati al cancro al seno e aiuteranno i ricercatori a studiarne gli effetti sulle donne.

I ricercatori hanno inoltre diffuso una lista di possibili azioni per aiutare a tenere lontani tali pericoli:

  • Al momento di acquistare il proprio divano (o poltrona) sceglierne uno privo di poliuretano e non trattato con sostanze ignifughe;
  • Evitare di utilizzare elementi difficili da smacchiare, come ad esempio i tappeti;
  • Ridurre al minimo indispensabile ogni esposizione a benzina, gasolio o gas di scarico dei veicoli;
  • Utilizzare un filtro a carboni attivi per l’acqua prima di consumarla;
  • Se è necessario l’utilizzo di una tintoria assicurarsi che non utilizzi percloroetilene o altra tipologia di solvente;
  • In cucina fare uso di una cappa e ridurre, quando possibile eliminare, gli alimenti cucinati con possibilità di essere carbonizzati, anche in parte (es.: quelli cotti utilizzando un barbecue);

13 maggio 2014
Fonte:
Lascia un commento