Si chiama Dai un nome alla speranza ed è il concorso lanciato dalla ONLUS il Rifugio degli Asinelli, necessario a raccogliere fondi per il centro. Lo spazio, da sempre in prima linea per il recupero e la salvaguardia degli asini, si trova ora ad affrontare un’emergenza data da un esubero di ospiti. Il centro ha raggiunto la capienza massima, 151 capi, dopo l’arrivo di 21 esemplari frutto di un sequestro.

>>Scopri il Rifugio degli Asinelli

Gli animali sono in custodia giudiziaria, salvati dall’Emergenza Colleferro, e ora vivono all’interno della ONLUS. Gli spazi quindi sono diventati più limitati, ma in particolare il rifugio vuole ampliare la struttura costruendo nuove aree predisposte proprio per gli animali sotto sequestro. Per questo motivo ha lanciato un concorso attraverso il quale si potrà proporre il nome per una coppia di asini, donando al contempo 5 euro. Il frutto delle donazioni verrà impiegato per il nuovo progetto e per la salute degli ospiti.

Durante il Grooming Day del 1° maggio verrà estratto il foglietto vincente, oltre alla possibilità di scegliere il nome, il vincitore riceverà il certificato di adozione a distanza speciale ed esclusiva dei due asinelli salvati. Inoltre potrà farsi immortalare con i due amici per un ritratto personalizzato. È un’iniziativa importante che potrebbe fare la differenza per gli asinelli vittime di maltrattamento, sequestrati da una situazione di sofferenza.

>>Leggi della vicenda dell’asino maltrattato

Gli animali sono stati intercettati mentre vagavano denutriti per le campagne fiorentine, proprio grazie alla cooperazione del Corpo Forestale dello Stato e dell’ENPA di Firenze. Destinati al mercato nero delle carni, gli asini sono giunti al rifugio, quale luogo d’appoggio temporaneo fino alla confisca definitiva alla fine del procedimento penale. Ma non essendo di proprietà della struttura devono essere isolati dal resto del gruppo e per questo è indispensabile ampliare i recinti e gli spazi. Proprio per evitare che gli animali, in mancanza di una risposta adeguata, vengano riconsegnati al proprietario colpevole di maltrattamento.

Sul sito ufficiale è possibile trovare il link per la donazione, proporre i nomi attraverso un modulo di contatto e conoscere tutti i bellissimi ospiti del rifugio.

24 aprile 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento