Troppo zucchero possibile minaccia per la vita sessuale, ecco perché

Sempre più persone sono consapevoli degli effetti che il consumo eccessivo di zucchero potrebbe avere sulla salute a lungo termine. Una delle conseguenze è rappresentata per esempio dall’aumento dei casi di diabete di tipo 2.

Adesso una nuova ricerca ci avverte che il consumo eccessivo di zucchero potrebbe creare problemi anche alla nostra vita sessuale. Sarebbe proprio il diabete di tipo 2 ad apportare delle conseguenze sulla salute che incidono sui rapporti intimi. Attraverso una specifica indagine sull’argomento condotta in Inghilterra, è emerso che l’80% delle persone interrogate non sapeva che il diabete di tipo 2 può portare anche alla disfunzione erettile.

=> Leggi di più sull’aiuto offerto dalle fibre per controllare i livelli di zucchero nel sangue

Tutto ciò accade perché gli elevati livelli della glicemia provocano danni ai nervi e ai vasi sanguigni, diminuiscono la sensibilità in alcune zone del corpo e rendono più difficile per l’uomo avere un’erezione. Tante volte l’ipertensione e le malattie cardiache che accompagnano il diabete possono rendere anche più grave il problema.

Non si tratta però soltanto di danni riscontrabili negli uomini. Il diabete di tipo 2, causato da un eccessivo consumo di zucchero, può mettere in pericolo anche le funzioni sessuali nelle donne. L’iperglicemia provoca danni ai vasi sanguigni con conseguente minore apporto di sangue alla vagina e al clitoride.

=> Scopri perché lo zucchero è indicato come nutriente per i tumori

Spesso a causa di questo problema le donne possono sperimentare secchezza vaginale e riduzione dell’eccitazione, con difficoltà a raggiungere l’orgasmo. Per questo gli esperti suggeriscono che, in presenza di fattori di rischio come il sovrappeso o il ripetuto cibarsi di alimenti ad alto contenuto di zucchero sarebbe opportuno eseguire un controllo medico per valutare le possibili conseguenze anche nella sfera dell’intimità.

Questo sarebbe ancora più necessario soprattutto per la mancanza di consapevolezza da parte di molti pazienti stessi che secondo l’indagine non farebbero abbastanza per gestire al meglio la loro patologia.

9 aprile 2018
Lascia un commento