Bere alcolici può rovinare la dieta e far aumentare di peso. A sostenerlo uno studio condotto dal governo britannico e commissionato dalla compagnia di dimagrimento Slimming World. Superato in particolare un certo limite di bevute, l’alcol contenuto nei drink favorirebbe un maggiore consumo di cibo.

A portare tali effetti sarebbe sufficiente il consumo di una dose di alcolici minima di tre o quattro consumazioni, assimilabili a 4 pinte di birra o tre bicchieri di vino. La soglia è stata determinata tramite un sondaggio YouGov condotto su 2.042 cittadini del Regno Unito, i cui dati hanno permesso di elaborare alcune stime riguardo gli eccessi calorici collegati.

Analizzandone le abitudini nel weekend i ricercatori hanno registrato come, al superare delle 9,3 unità alcoliche, i soggetti tendevano a consumare cibi poco salutari per un corrispettivo di circa 4.300 calorie la sera stessa del consumo e altre 2.000 al mattino seguente.

Al primo posto tra i consumi “post soglia” le patatine fritte, seguite da pizza, kebab e hamburger. Secondo quanto riferisce la Dr. Jacquie Lavin, direttrice del settore Nutrizione e Ricerca presso la Slimming World:

Non ci sono al momento sufficienti linee guida per il pubblico riguardo il fatto che bere più della dose di alcol raccomandata possa avere un impatto sul peso corporeo.

L’alcol stimola l’appetito, aumenta la voglia di consumare cibi non salutari e frena le nostre inibizioni, facendoci compiere scelte non salutari senza nemmeno realizzare quante calorie stiamo consumando. Con il valore soglia tipico di solo tre o quattro consumazioni è chiaramente molto facile per le persone bere abbastanza alcol da sperimentare questi cambiamenti nel comportamento.

L’alcol non contiene soltanto calorie che non ci nutrono così come fa il cibo, ma rende anche più affamati e inibisce la nostra determinazione a compiere scelte salutari. Rendere le persone coscienti di questo fornirà le informazioni di cui hanno bisogno per avere maggiore responsabilità riguardo il loro peso.

24 aprile 2014
Fonte:
Lascia un commento