Energie rinnovabili in “eccesso”, la rete non sarebbe in grado di gestirle. Questo l’allarme lanciato nell’ultima relazione al Parlamento da parte dall’Autorità per l’Energia, che vede il sistema in difficoltà nella raccolta e distribuzione dell’elettricità così ottenuta. Problemi maggiori al Sud, dove più alto è il contributo energetico.

Le fonti rinnovabili funzionano bene, troppo bene considerando le infrastrutture a disposizione della rete: gli impianti fotovoltaici, eolici e le altre energie pulite produrrebbero più energia di quella che la rete sarebbe in grado di gestire. Il risultato è che molta di questa elettricità viene immagazzinata senza la possibilità di venire utilizzata. Oltre al danno la beffa, considerando che dalle bollette è stato prelevato il contributo alle fonti rinnovabili per l’energia prodotta e non per quella effettivamente utilizzata.

Nel documento presentato in Parlamento, l’Authority parla di problematiche di carattere “tecnico ed economico”:

Il forte sviluppo delle fonti rinnovabili non programmabili sta comportando il manifestarsi di problematiche di carattere tecnico ed economico. Da attribuire all’aleatorietà della produzione da fonti rinnovabili non programmabili e accentuate dalle carenze infrastrutturali delle aree in cui tali fonti sono prevalentemente localizzate.

Secondo Alberto Biancardi, uno dei Commissari dell’Autorità per l’Energia, già a partire dal prossimo anno il Sud potrebbe essere autonomo grazie alla sua produzione da fonti pulite. Il problema sarebbe però legato alle stesse energie rinnovabili, che generano elettricità in maniera discontinua:

Gli impianti eolici e fotovoltaici, per lo più collocati nelle regioni del sud, sono cresciuti in modo esponenziale negli ultimi anni. Anche oltre le previsioni, spinti anche dal livello degli incentivi e dal miglioramento delle tecnologie, con una crescita che solo due anni fa era impensabile. Al punto che già l’anno prossimo le fonti rinnovabili saranno in grado di soddisfare tutta la domanda di energia delle regioni meridionali. Il che comporta, però, dei seri problemi dovuti al fatto che le rinnovabili non producono energia in modo continuativo.

Riguardo le possibili soluzioni, che dovranno in tempi urgenti essere messe a punto dal prossimo Governo Monti, le ipotesi principali in discussione al momento sembrano la realizzazione di accumuli o l’ampliamento della rete:

Il problema – anticipa Biancardi – è che il sistema è in uno stato di equilibrio sempre più precario. Per la sua stabilità sono state bloccate, in qualche occasione, le importazioni perché il sistema non avrebbe retto. Ma il nostro approccio per trovare la soluzione deve essere funzionale. Bisogna capire cosa sia conveniente fare e cosa sia più economico. Non è detto, per esempio, che sia la realizzazione di accumuli o l’utilizzo delle centrali. Se costa di meno ampliare la rete, la amplieremo. Ma anche se fossero più vantaggiosi gli accumuli, non è detto che sia Terna a realizzarli. Vedremo.

14 novembre 2011
Fonte:
I vostri commenti
pier luigi caffese, venerdì 18 novembre 2011 alle9:31 ha scritto: rispondi »

Terna e chi l'appoggia, credono che in Italia siamo tutti dei cretini in energia e danno l'alert sulle rinnovabili che intasano le reti di trasmissione.Se è vero basta stoccare vicino agli impianti vento-solare-biomasse.Per fare in fretta basta convertire i MW elettrici in azur fuels,cosa che Terna non sa nemmeno cosa sia perchè propone batterie che sono antieconomiche.Poi le reti lunghe di trasmissione  sono un concetto superato perchè troppo costoso e dispersivo di energia(-40%). Ma a Terna non importa niente l'efficienza energetica perchè la sottopone in tariffa e pretende che la AAEE gliela approvi.Ora la AAEE non dovrebbe mai entrare in conflitto di interessi con gli italiani,perchè Terna vuole che si paghi un balzello mediovale.Perchè dobbiamo accettare i 150 MW di Terna o il suo vecchio progetto di 15 GW per 36 miliardi(sostitutivo nucleare) quando nel mio progetto Caffese produco 600 GW e costa 17 miliardi perchè uso con leverage mare-fiumi e vento e questo non è il mestiere di Terna:Terna è un costo fisso anche inefficiente e non è per niente sviluppo del paese come grandiosi uffici PR cercano di inculcarci.Il mondo dell'energia parlata in TV o spettacolo è finito ma esistono ancora degli attori di cabaret che vogliono gli accumuli d'acqua,le batterie(convenienti solo in automotive) e l'ultimo un architetto a Milano che vuole auto ad idrogeno perchè è innamorato delle BMW da ricchi grossier,non sapendo che produrre idrogeno è troppo caro.Rifkin prima intorta un Ministrino Ambiente,poi lo architetto milaneseche dovrebbe parlare con Tabacci di conti perchè proporre oggi l'idrogeno è fuori mercato ed all'Audi che non sono cretini optano su windfuel e non H,dove Linde ha fatto un bagno insieme alla Brennero e Regione Lombardia. 

Cosimo, lunedì 14 novembre 2011 alle10:02 ha scritto: rispondi »

ma come sono bravi Autorithy e Terna! Che in una settimana sono stati fatti tutti questi impianti di produzione di energia rinnovabile? Oppure negli ultimi 4 5 anni? E lor signori che hanno fatto a parte incassare ricche prebende?

Lascia un commento