Trivellazioni nel Parco del Cilento: domani Shell incontra i sindaci

Prosegue la mobilitazione degli enti locali e dei cittadini contro il progetto di Royal Dutch Shell che vorrebbe trivellare un pozzo esplorativo a due passi dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Domani, infatti, ci potrebbe essere un incontro tra Shell e gli otto sindaci dei comuni interessati dal permesso di ricerca “Monte Cavallo”. Si terrà a mezzogiorno in un hotel di Atena Lucana alla presenza dei giornalisti.

La scelta di Shell di incontrare i sindaci e i giornalisti, ma non i cittadini, è stata criticata dal Comitato “No al petrolio nel Vallo di Diano”, che la reputa discutibile:

Apprendiamo dai mezzi di comunicazione che la Shell ha intenzione di incontrare privatamente gli 8 sindaci interessati dall’operazione “Monte Cavallo” ed i giornalisti per un appuntamento “informativo”. L’incontro avviene in concomitanza con l’audizione in commissione Ambiente della Regione Campania degli stessi sindaci che, a rigor di logica, dovranno scegliere tra stare a Napoli o ad Atena Lucana; per coerenza, stando a quanto solennemente affermato 3 giorni fa in Comunità montana Vallo di Diano, i sindaci saranno a Napoli

I sindaci, infatti, si sono impegnati a non incontrare Shell prima di aver chiesto un pronunciamento dei rispettivi consigli comunali. Una mossa che, da una parte, serve a prender tempo e, dall’altra, a rafforzare il potere politico dei sindaci nel portare avanti una eventuale opposizione alle trivellazioni.


Resta effettivamente il dubbio sul perché la Shell abbia convocato i sindaci sapendo che non potranno esser presenti all’incontro, visto che saranno a parlare di Monte Cavallo in Regione. La speranza è che non sia un goffo tentativo di far passare i sindaci come l’opposizione che non vuole dialogare. Nel frattempo, però, il Comitato ha già iniziato a raccogliere le firme per dire no al petrolio nel parco.

12 marzo 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento