Treni a levitazione magnetica toccano i 500 kmh in Giappone

Sfrecciare a una velocità tale da fare impallidire un’auto di Formula 1, semplicemente prendendo un treno? No, non è un utopia fantascientifica, ma un progetto ben avviato in Giappone. La Central Japan Railway ha svelato in questi giorni il suo progetto per un treno a levitazione magnetica capace di sfiorare i 500 kmh. Prestazioni che renderebbero spostamenti fra diverse città, paragonabili quasi a tratti metropolitani.

Un successo tecnologico che non sorprende più di tanto. È risaputo, infatti, quanto il Giappone investa nell’alta velocità (le prime linee “veloci” furono inaugurate già negli anni ’60).

La moderna locomotrice avrà una lunghezza di 28 metri, in parte progettata con una forma aerodinamica particolare. Immaginandola unita ai convogli, sarà capace di trasportare alle suddette incredibili velocità qualcosa come 1000 passeggeri.

La nuova linea dovrebbe unire Tokyo e Nagoya in appena 40 minuti, contro i 90 delle attuali linee, già estremamente veloci. Data prevista per l’inaugurazione? Il 2027. Come dimostra questa data, molto ancora c’è da lavorare perché la tecnologia sia pronta. Eppure i test i cui risultati sono stati rivelati in questi giorni mostrano che la strada intrapresa procede a gonfie vele e in Giappone sia dal Ministero dei Trasporti, sia dalla Central Japan Railway filtra una soddisfazione palpabile.

E ne hanno ben donde: con tali prestazioni, la differenza fra trasporto aereo e trasporto via terra, praticamente scompare. Ma prima di cantare vittoria da un punto di vista ecologico, sarebbe comunque importante leggere qualche studio sull’impatto ambientale di queste nuove tecnologie ferroviarie (consumo di corrente, impatto sul panorama, ecc.).

Ad ogni modo, il treno Maglev (come viene amichevolmente chiamato, contraendo “levitazione magnetica”) sembra sempre di più il futuro dei trasporti e il Giappone sarà la prima nazione al mondo a realizzarne una linea commerciale funzionante.

28 novembre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Marco, sabato 12 luglio 2014 alle5:56 ha scritto: rispondi »

Il consumo non può assolutamente essere inferiore al tav italiano perche a quelle velocità il fattore determinante nel consumo è la resistenza aerodinamica, che aumenta col quadrato della velocità. Far andare lo stesso treno da 300 a 500km/h richiede 2.8 volte la potenza. Il tempo però non diventa un terzo, e neanche la metà. Quindi il consumo energetico in prima approssimazione aumenta di 1.7 volte. Dire che poi sarà la prima linea commerciale non è esatto, in quanto il maglev dell'aeroporto di Shanghai è gia operativo da anni, per quanto su una breve tratta, con velocita di 420 km/h.

Alessandro Ghio, venerdì 30 novembre 2012 alle10:47 ha scritto: rispondi »

sono 30 anni che esistono i prototipi del treno a levitazione magnetica.... ma il colpo di grazia a questa tecnologia è stato dato una decina di anni fà quando il TGV Atlantique à fatto i 500 km/h sulle rotaie normali...quindi senza spese aggiuntive di tecnologia magnetica molto più cara delle rotaie....

Ziomaul, giovedì 29 novembre 2012 alle16:09 ha scritto: rispondi »

Il treno avrà una velocità massima di 800km/h. 500km/h (ricordiamo che il record dei treni è 550km/h) sarà la sua velocità standard e il consumo sarò inferiore al TAV Italiano con impatto ambientale uguale. Però costerà di più! Ciao

Lascia un commento