Toyota sperimenta il car sharing condominiale

Toyota sta per avviare un interessante progetto di car sharing condominiale, che vedrà protagonista due dei modelli ecologici dell’attuale gamma del produttore giapponese, cioè la Toyota Prius Plug-in e la piccola Toyota iQ elettrica, veicoli, soprattutto quest’ultimo, particolarmente adatto alla mobilità urbana ecocompatibile a cui l’intera iniziativa è rivolta.

La sperimentazione partirà nella primavera del 2012 e coinvolgerà due condomini individuati nella prefettura di Tokyo e nella prefettura di Aichi, ai quali andranno due esemplari di Prius plugin e iQ elettrica, la cui gestione sarà affidata ad alcune società di noleggio e di leasing già partner di Toyota in altri ambiti.

Il progetto, ideato da Toyota in collaborazione con Nomura Real estate e Daikyo Incorporated, con il contributo della Transport Machinery, prevede la costruzione di apposite aree di parcheggio dedicate ai mezzi ecologici in servizio presso i due condomini, ai quali si affiancherà la realizzazione di nuove infrastrutture per la ricarica delle auto.

Grazie a questo esperimento il car sharing assume una dimensione diversa rispetto a quella con cui è stato conosciuto e percepito fino a oggi dai cittadini, andando adesso a rappresentare un’offerta molto interessante e pratica per quanti sono costretti a spostarsi in città senza però sentire la necessità o avere la voglia di impegnarsi nell’acquisto e nella manutenzione di un veicolo di proprietà.

L’abbinamento tra auto ecologica e car sharing condominiale si annuncia parecchio interessante tanto da spingere grossi nomi del settore come Toyota a investirci, sperando ovviamente che l’esperimento venga esteso più avanti anche ad altre città.

14 giugno 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento