Toyota è il marchio che i clienti associano con più frequenza al concetto di auto elettrica o ibrida. È quanto emerge da uno studio condotto in collaborazione tra la società di Business Intelligence EurotaxGlass e l’Istituto di Marketing e Ricerca Britannico Harris intitolato “Electrification of the Automotive Industry – The European Consumer’s View”.

Secondo i dati presentati, pare che il 30% degli intervistati avrebbe mostrato di essere interessato a queste tipologie di veicoli a ridotto impatto ambientale e, tra questi, il 15% ha indicato il marchio Toyota nel rispondere alla domanda che chiedeva loro se conoscessero il nome di un costruttore di modelli elettrici o ibridi.

Sempre all’interno dello studio, è stata la Toyota Prius a confermarsi il modello più conosciuto, citata dal 16% degli intervistati a fronte del 6% corrispondente a quanti hanno indicato il nome di altri modelli ibridi o elettrici.

Evidentemente, il fatto che il gruppo giapponese sia stato in un certo senso pioniere dei sistemi di propulsione alternativi, lanciando in Giappone nel 1997 la Prius per farla sbarcare sugli altri mercati tre anni dopo, ha contribuito a rafforzare l’immagine di Toyota nel settore delle auto verdi, tanto che molti clienti nel mondo associano in maniera quasi automatica il suo marchio con questa tipologia di auto.

Particolare interessante emerso dallo studio e l’aspetto che sottolinea come l’apertura dei clienti nei confronti dei sistemi di propulsione alternativi è più alta rispetto all’attuale quota di mercato occupata da questi modelli sul mercato: segno che, seppur la loro diffusione non sia ancora sensibile, l’interesse rimane alto e questo potrebbe giocare un ruolo importante per quanto riguarda la penetrazione sul mercato di questi modelli nell’immediato futuro.

6 maggio 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento