In casa Toyota stavolta, forse, non hanno brillato per fantasia nel dare il nome alla loro più recente novità a zero emissioni, ma i contenuti, almeno quelli, sembrano esserci tutti. La protagonista in questione è la nuova Toyota eQ, inedita citycar elettrica che altro non è se non la variante ecologica della conosciuta Toyota iQ.

Lunga appena 2,99 metri, esattamente quanto la iQ a benzina, la nuova Toyta eQ è stata presentata dal vice presidente della casa costruttrice giapponese, Takeshi Uchiyamada, che ha sottolineato come, nonostante l’aggiunta del pacco batterie, la vettura riesce a offrire ugualmente un abitacolo per quattro persone, evitando ripercussioni dal punto di vista dell’abitabilità rispetto alle varianti alimentate con combustibile fossile.

A fornire le batterie Ni-MH (nichel-metallo idruro) per la Toyota eQ sarà Panasonic, azienda che collabora già da qualche tempo con Toyota grazie alla fornitura delle batterie agli ioni di litio utilizzate sulla Toyota Prius Hybrid, compresa la variante plug-in di recente salita alla ribalta delle cronache per la sua flessibilità e per i consumi molto contenuti.

La Toyota eQ sarà commercializzata sul mercato giapponese dal prossimo dicembre, andando a rappresentare un’alternativa per gli spostamenti cittadini di molte aziende e istituzioni, comprese alcune autorità governative. La nuova microcar elettrica rientra tuttavia in un programma ad ampio raggio che vedrà Toyota sempre più impegnata, nei prossimi anni, ad ampliare la sua offerta di modelli ibridi ed elettrici.

Secondo quanto spiegato dai vertici del gruppo, infatti, entro i prossimi tre anni il costruttore lancerà sui vari mercati in cui è presente fino a 21 nuovi modelli ecologici, in modo da centrare l’obiettivo di vendere almeno un milione di esemplari ibridi all’anno nel periodo compreso tra il 2013 e il 2015.

24 settembre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Totolom, lunedì 24 settembre 2012 alle20:55 ha scritto: rispondi »

Quale sarà il prezzo? E poi, il pacco batterie utilizzate non è troppo vetusto rispetto alle batterie ibride agli ioni di litio LiFePO4 di ultima generazione? Che autonomia, tempi di ricarica e soprattutto numero di cicli di vita hanno? 

Lascia un commento