Finalmente pubblicato, dopo diversi mesi di lavorazione, “Toxic Europe“, il video-documentario sul traffico di rifiuti all’interno dell’Unione Europea che ha vinto il “Best International Organised Crime Report” al Premio Ilaria Alpi.

Toxic Europe è il frutto degli sforzi di un gruppo internazionale di giornalisti: Delphine Reuter, giornalista belga, e gli italiani Cecilia Anesi e Giulio Rubino. I tre sono stati coadiuvati da Leonida Reitano (Associazione di giornalismo investigativo).

Il documentario è stato presentato ufficialmente a settembre, a Otranto Legality Experience, e a ottobre alla settima Conferenza mondiale del giornalismo d’inchiesta (GIJC) di Kiev. A novembre, invece, è stato presentato alla conferenza “Legality and struggle against mafias in Europe” di Sofia e alla “Graver Konference” sul giornalismo d’inchiesta di Copenaghen.

Il film, della durata di circa 28 minuti, sviscera il problema del traffico illegale dei rifiuti tossici: quantità, meccanismi, flussi e soprattutto gli attori di questo grande business che spesso sono esponenti della criminalità organizzata italiana. Per farlo utilizza anche contributi di alto livello, come le interviste al magistrato napoletano Raffaele Camtone e al procuratore nazionale antimafia Piero Grasso.

Sono proprio gli intrecci mafiosi, spiegano gli autori di “Toxic Europe”, a determinare le destinazioni dei carichi di rifiuti tossici:

La nostra ipotesi d’inchiesta è che la ricerca di nuovi clienti, di nuove arterie di trasporto e nuovi siti di smaltimento abusivo, unita alle crescenti difficoltà che la Mafia ha trovato nel trafficare rifiuti verso i paesi in via di sviluppo, ha fatto si che l’Europa sia diventata un tavolo da ping-pong per rifiuti tossici che si muovono senza controllo all’interno del territorio europeo

Ma, come spiega nel documentario Raffaele Cantone, la mafia sta prendendo possesso anche di parte dello smaltimento legale dei rifiuti, oltre che di quello totalmente illegale. La cosa più interessante che emerge da “Toxic Europe” è che non è vero che l’Italia sia la patria dello smaltimento illecito dei rifiuti: in proporzione, infatti, in Belgio nel 2008 è “sparita” molta più spazzatura che in Italia.

5 gennaio 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Sage, sabato 7 gennaio 2012 alle22:23 ha scritto: rispondi »

Mah.....,così com'è scritto,mi pare venga tutelato piu' l'acquisto che il cane...Invece di tutelare gli sciocchi compratori,scoraggiamo al massimo le vendite.

Sage, sabato 7 gennaio 2012 alle22:23 ha scritto: rispondi »

Mah.....,così com'è scritto,mi pare venga tutelato piu' l'acquisto che il cane...Invece di tutelare gli sciocchi compratori,scoraggiamo al massimo le vendite.

Lascia un commento