Per chi vuole festeggiare un Natale nel rispetto dell’ambiente circostante l’ideale è preparare ricette vegan, senza la presenza di proteine animali e derivati. Se poi la golosità impera, perché non produrre anche dolci, torte sane e naturali? Tra i protagonisti della tavola delle feste non può certo mancare il torrone, neppure nella sua variante cruelty free.

Laricetta vegan del torrone è facile e rapida da creare, con ingredienti sani che fanno bene al cuore e alla mente, come la frutta secca. Carburante ideale contro i radicali liberi e l’invecchiamento, la frutta secca è un toccasana importante anche come parte integrante di un piccolo peccato di gola delle feste. Per realizzarlo procuratevi:

  • 1 kg di nocciole e mandorle
  • 400 g di malto di riso o di mais
  • 800 gr di zucchero di canna
  • 100 gr di acqua
  • 30 gocce di estratto di vaniglia
  • buccia grattugiata di un mandarino (o arancio) e un limone
  • mezzo limone
  • cannella q.b.

Sgusciate mandorle e nocciole, eliminate la pellicina quindi tritatele e lasciatele tostare in forno per qualche minuto. Versate il malto di riso in un pentolino, con l’acqua, e lasciatelo scaldare per 10 minuti, quindi aggiungete lo zucchero mescolando con un cucchiaio di legno. Lasciate cuocere per circa 30 minuti, aggiungete la frutta secca tritata e tostata, l’estratto di vaniglia, e la scorza grattugiata degli agrumi. Mescolate con costanza quindi versate in uno stampo usa e getta per alimenti, possibilmente di formato rettangolare o per plumcake, che avrete trattato versando del succo di limone.

Pareggiate la superficie ripassandola con il mezzo limone e con la spatola di legno, quindi lasciate raffreddare e solidificare per due ore coperto da un tagliere o da un coperchio su cui avrete appoggiato un peso. Estraete il torrone dallo stampo, appoggiatelo sul piano di lavoro e cospargetelo con una velatura di cannella in polvere (a piacere con dello zucchero a velo vegan). Tagliatelo a strisce o tocchetti, quindi avvolgetelo nella pellicola trasparente per alimenti.

17 dicembre 2013
Lascia un commento