Toro agonizzante e con le zampe spezzate: polemica in Spagna

Nuove polemiche sull’usanza di impiegare i tori a scopo d’intrattenimento, ancora molto diffusa in Spagna. Nonostante molte città iberiche abbiano deciso di rinunciare alla corrida e ad altre manifestazioni analoghe, così come accade ormai da anni in quel di Barcellona, la tradizione è ancora molto ben radicata. Un nuovo caso, però, ha acceso fitte polemiche nell’opinione pubblica, fuori e dentro i social network.

È quanto denuncia il Pacma, il Partito Animalista Spagnolo, nel mostrare un video con protagonista un toro agonizzante, caduto da un camion. Il tutto sarebbe accaduto a Mejorada del Campo, nei pressi di Madrid, dove l’animale è stato scelto per il consueto encierro prima della corrida vera e propria.

=> Scopri il blocco della corrida a Barcellona


Nel tentativo di scendere da un furgone, forse troppo alto per le capacità dell’animale, il toro è caduto a terra, spezzando le zampe posteriori. Dolorante e agonizzante, è rimasto sul suolo impossibilitato a muoversi. Il filmato è circolato rapidamente sui social network, dove ha suscitato preoccupazione e indignazione fra gli utenti, pronti a chiedere misure più severe per garantire la sicurezza e la salute degli animali. A oggi, non è noto cosa sia successo al toro dopo il ferimento.

Il Partito Animalista Spagnolo ha deciso di denunciare l’accaduto alle autorità, affinché vengano prontamente identificati i colpevoli, inoltre ha aperto una petizione affinché si possa modificare la legge iberica sul maltrattamento degli animali, chiedendo venga incluso anche il ricorso ai bovini per scopi d’intrattenimento. Se così fosse, si aprirebbe la strada per rendere la corrida illegale, un fatto che trova però forti opposizioni all’interno del Paese.

=> Scopri lo stop degli animali al circo in Catalogna


Di seguito, il filmato apparso sulle piattaforme social, la cui visione è sconsigliata a un pubblico particolarmente sensibile: le immagini potrebbero infatti risultare molto crude.

17 ottobre 2018
Lascia un commento