Tornare in forma dopo le feste: allenarsi in casa con il tapis roulant

Lasciati alle spalle il pranzo di Natale e il cenone di capodanno, è giunto il momento di rimettersi in forma. Farlo nella comodità della propria casa è la scelta ideale per coloro che desiderano seguire un piano di allenamento strutturato in modo da dare risultati duraturi e nel tempo, senza farsi condizionare dalle temperature rigide della stagione invernale o dal meteo avverso. Il tapis roulant è la soluzione giusta per il cardio fitness indoor.

Sono tanti i modelli in commercio, ognuno dei quali pensato per soddisfare un’esigenza specifica e indirizzato a un target ben preciso, anche a livello di budget. Il primo passo da compiere per scegliere quello giusto è dunque porsi un obiettivo: quale risultato si vuol ottenere? Se l’intento è quello di raggiungere uno stato di forma ottimale senza fretta e senza particolari pretese in termini di performance, allenarsi mantenendo un ritmo di camminata veloce (6 Km/h o poco più) può essere sufficiente. A chi desidera incrementare progressivamente le proprie prestazioni serve andare oltre, raggiungendo picchi da 14 Km/h o più. Infine, se l’esigenza è invece quella di smaltire in modo piuttosto rapido le calorie in eccesso, la possibilità di inclinare il nastro simulando uno sforzo in salita può tornare utile per accelerare il metabolismo. La velocità massima e la tipologia di pedana costituiscono dunque elementi essenziali da tenere in considerazione quando si approccia la fase di acquisto.

Personal trainer integrato

Iniziando un percorso di allenamento è bene non improvvisare e non commettere l’errore di eccedere nello sforzo, soprattutto durante le prime sessioni. Bisogna concedere al proprio corpo il tempo necessario per abituarsi al training, incrementando in modo graduale il carico di lavoro a cui vengono sottoposti i muscoli e le articolazioni. Fortunatamente i moderni tapis roulant sono dotati di strumenti che offrono programmi preimpostati, capaci di guidare in ogni step l’utente, suggerendogli quando aumentare il ritmo e quando invece rallentare, misurando al tempo stesso i progressi ottenuti mediante la rilevazione del battito cardiaco o di altri parametri: dalla frequenza del passo alla distanza percorsa, dal tempo trascorso alla stima delle calorie bruciate.

Prendendo in considerazione la proposta di Decathlon, che include alcuni tra i modelli più completi ed evoluti della categoria, si trovano soluzioni economiche come nel caso di Domyos Walk (279,99 euro), il cui nome è già di per sé piuttosto esplicativo per individuarne il target: è adatto a chi non ha bisogno di andar oltre una camminata sostenuta, con un nastro che arriva a 8 Km/h. Si passa poi al Jog by Domyos T520 (399,99 euro), proposto dallo stesso marchio e pensato per il running a bassa intensità, con velocità massima di 13 Km/h e inclinazione della pedana al 10%. Vi si trovano dieci programmi preimpostati, cinque per il mantenimento dello stato di salute e cinque per bruciare calorie. Ai più esigenti si rivolge invece il Domyos T900A (699,99 euro) con 32 modalità di training finalizzate al miglioramento delle capacità cardiovascolari e muscolari, fino ad arrivare all’INTENSE RUN By Domyos (999,00 euro) con 40 programmi integrati, inclinazione motorizzata dal 3% al 15%, velocità del nastro fino a 22 Km/h, ideale per un uso intensivo o familiare che può arrivare fino a 35h alla settimana.

Tapis roulant

Allenarsi sul tapis roulant

Una sessione di allenamento sul tapis roulant è solitamente strutturata in tre fasi, con una durata media complessiva che può variare da 40 a 60 minuti. Si inizia con un riscaldamento di 10-15 minuti, durante il quale mantenere una camminata rapida o un ritmo di corsa leggero, per passare poi al cuore dell’attività con 25-35 minuti a velocità costante e regolare, raggiungendo il 70% circa della frequenza cardiaca massima, concludendo infine con 5-10 minuti di defaticamento, riprendendo il passo iniziale. Ovviamente, a diversi obiettivi da raggiungere corrispondono differenti modalità di training, per questo motivo tornano utili i programmi preimpostati e personalizzabili.

allenamento per tornare in forma

Oltre a garantire il riparo da intemperie e condizioni meteo avverse, camminare o correre su un tapis roulant presenta un indubbio vantaggio rispetto alle sessioni outdoor: il sistema di ammortizzamento della pedana assorbe parte delle sollecitazioni generate durante il movimento, riducendo così sensibilmente il feedback restituito alle articolazioni e scongiurando di conseguenza il rischio di infortuni o infiammazioni muscolari. Per questo motivo si tratta di una tipologia di allenamento adatta anche a coloro che si trovano ad affrontare una fase di riabilitazione o mal sopportano i fondi duri come l’asfalto delle strade.

Gli amanti delle statistiche possono inoltre optare per un modello dotato di connettività wireless, per trasferire alle applicazioni mobile installate su smartphone (via Bluetooth) le informazioni relative agli allenamenti, inserendole in uno storico con report dettagliati sulle performace e potendo così contare sullo stimolo di obiettivi sempre nuovi da raggiungere. Una modalità che si inserisce a pieno titolo nell’era del fitness connesso, in cui i tapis roulant fanno parte di un ecosistema più ampio che comprende dispositivi indossabili come smartwatch o smartband, capaci di rilevare parametri biometrici senza soluzione di continuità, monitorando il battito cardiaco nel corso della giornata e la qualità del sonno durante le ore notturne.

Pubbliredazionale

10 gennaio 2018
Lascia un commento