Ora legale: consigli per sfruttare al meglio la domenica con più luce

La notte tra sabato 25 e domenica 26 marzo cambia l’ora. Torna l’ora legale e, alle 2 di notte, si sposteranno gli orologi un’ora avanti quindi si dormirà un’ora in meno. Guadagneremo però più luce visto che il sole tramonterà più tardi. La giornata di domenica è perfetta quindi per una gita fuori porta sfruttando le condizioni meteo probabilmente favorevoli.

=> Scopri i 10 borghi più romantici d’Italia

Per sfruttare al meglio queste ore di luce in più ci si potrebbe quindi dedicare a diverse attività all’aria aperta: gite in campagna, trekking in montagna, escursioni nei parchi naturali. Ad esempio, alzandosi di buon ora, potrete visitare le Oasi del WWF: ce ne sono tantissime, sparse in tutta Italia, e facilmente raggiungibili. Oppure potrete dedicarvi al birdwatching nelle aree protette della LIPU.

=> Scopri le le migliori 30 destinazioni 2017 secondo Best in Travel

Se invece preferite fare trekking in montagna, ci sono svariati percorsi con diverse difficoltà praticamente in tutta Italia. Dall’entroterra del Piemonte, dove potrete passeggiare tra i vigneti e magari rilassarvi anche con un buon pasto con i prodotti tipici della gastronomia locale, passando alle colline senesi, al trekking lungo le antiche strade romane del Lazio e infine le escursioni sui rilievi siciliani tra arte, reperti storici e mare dai colori mozzafiato.

Chi preferisce sfruttare l’ora legale rimanendo in città può approfittare, proprio nel weekend del 25 e 26 marzo, delle giornate FAI di Primavera. Grazie a questa iniziativa diversi luoghi storici italiani, solitamente non aperti al pubblico, spalancano le loro porte ai visitatori portandovi alla scoperta di realtà uniche del nostro Bel Paese.

Per fare un esempio potrete visitare tutta l’Isola di Nisida a Napoli, la Fortezza del Varignano a Portovenere in Liguria, il Convento di Trinità dei Monti a Roma, il Palazzo della Banca d’Italia di Milano.

Insomma, c’è solo l’imbarazzo della scelta per sfruttare al massimo l’ora di luce in più che ci godremo grazie all’ora legale: mare, montagne, città, mostre. A ognuno il suo.

24 marzo 2017
Lascia un commento