Torino è la città più inquinata d’Italia, almeno per quanto riguarda la concentrazione di polveri sottili (PM10) nell’atmosfera. È il primo dato diffuso da Legambiente in occasione della partenza del Treno Verde 2014, la campagna, realizzata insieme a Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, dedicata al monitoraggio dell’inquinamento atmosferico e acustico delle città italiane.

Il capoluogo piemontese, stando alla classifica di Legambiente “PM10 di tengo d’occhio” relativa al 2013, ha totalizzato ben 126 giorni di superamento (su un massimo annuo consentito di 35), del limite di legge di 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili. Seguono Napoli, con 120 giorni fuori legge, e Frosinone (112).

Non va molto meglio ad Alessandria (92), Salerno (90), Benevento (89) e Vercelli (86). E l’allarme PM10, sottolinea Legambiente, vale anche per il 2014: a meno di due mesi dall’inizio dell’anno, in alcune città italiane sono già stati più di 20 i giorni di superamento dei limiti di legge.

Commenta il direttore generale di Legambiente Rossella Muroni:

Le nostre città devono tornare a respirare, ad essere più verdi, ad avere uno sviluppo in sintonia con l’ambiente ed essere delle fucine di innovazione. Ripensare i centri urbani, migliorare la qualità di vita e dell’aria significa prima di tutto ripartire dal trasporto pubblico, che si conferma essere un passaggio strategico per il cambiamento dei nostri centri urbani.

E proprio per chiedere questa “rivoluzione”, l’associazione lancia anche quest’anno la sua storica campagna del Treno Verde. Dal 13 febbraio al 27 marzo il convoglio ambientalista farà tappa in 11 città: Palermo, Cosenza, Potenza, Caserta, Roma (Termini), Pescara, Ancona, Verona, Milano, Varese. L’iniziativa si concluderà a Torino il 25, 26 e 27 marzo.

Durante il suo viaggio, il Treno Verde ospiterà a bordo studenti, cittadini e amministratori, attuando la sua opera di sensibilizzazione sulla mobilità sostenibile e sull’inquinamento grazie alla mostra interattiva ospitata nelle sue quattro carrozze.

Ecco l’elenco delle città più inquinate d’Italia. Tra parentesi la centralina scelta come riferimento (quella col dato peggiore) e il numero di giorni fuori legge.

  1. Torino (Grassi, 126)
  2. Napoli (Ente Ferrovie, 120)
  3. Frosinone (scalo, 112)
  4. Alessandria (D’Annunzio, 92)
  5. Salerno (Scuola Pastena Monte, 90)
  6. Benevento (Via Floria, 89)
  7. Vercelli (Gastaldi, 86)
  8. Trieste (Mezzo Mobile – staz. RFI, 85)
  9. Milano (Senato, 81)
  10. Brescia (Villaggio Sereno, 80) a pari merito con Parma (Montebello, 80)

12 febbraio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento