Un incontro insolito e sorprendente, quello a cui alcuni bagnanti hanno potuto assistere sulla spiaggia di Tor San Lorenzo, una frazione del comune di Ardea. Una tartaruga ha infatti scelto questa area del litorale laziale per deporre le uova, senza nessuna preoccupazione per le persone già presenti sul bagnasciuga. Un evento raro, considerato come questi animali prediligano aree ampie e spopolate, per agire in completa tranquillità.

Il tutto è accaduto qualche giorno fa, quando a notte fonda una tartaruga marina ha deciso di riemergere dalle acque, per dirigersi sulla spiaggia di Tor San Lorenzo, al momento frequentata da diversi bagnanti pronti a concedersi una serata estiva sotto le stelle. Incurante proprio della presenza umana, l’animale ha scaricato una buca mediamente profonda nella sabbia, per poi deporre decine di piccole e bianche uova.

=> Scopri la tartaruga ferita che lotta per nidificare


L’impresa è stata ripresa dagli smartphone dei presenti, per poi essere condivisa sui social network e sulla piattaforma di videosharing YouTube. La tartaruga, terminato il suo compito, ha quindi ricoperto il nido con pazienza certosina, per poi ritornare a immergersi nel mare. A protezione delle preziose uova sono giunte le guardie costiere di Torvaianica, pronte a recintare l’area affinché non vi siano ostacoli alla schiusa, attesa entro 30-40 giorni dalla deposizione.

=> Scopri le tartarughe che sfruttano l’ippopotamo


Dalle pagine di Repubblica, il comandante della Capitaneria di Porto di Fiumicino, Fabrizio Ratto Vaquer, ha così commentato lo straordinario episodio:

Il biologo ci ha detto che le uova dovrebbero schiudersi tra 30-40 giorni e fino a quel momento dovranno essere protette anche dai predatori. Quanto accaduto non è molto comune in queste zone, dove costantemente monitoriamo e quando occorre soccorriamo le tartarughe marine. Sono animali che per deporre le uova hanno bisogno di spiagge ampie.

Di seguito, il video caricato sul canale YouTube de “Il Corriere delle Città”.

7 luglio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento