Topo morto nell’insalata in busta: coppia ligure sotto antibiotici

Marito e moglie hanno consumato un’insalata in busta, di quelle già pronte per essere mangiate, trovando all’interno della confezione niente meno che un topo morto. È accaduto a Genova, dove i due sono stati sottoposti dall’Asl a una cura antibiotica. Nel frattempo in Lombardia sono scattati i controlli sull’azienda responsabile, anche se il lotto incriminato era ormai scaduto. Per tale motivo non è stato ritenuto necessario diramare un’allerta alimentare.

Come riportato da Il Secolo XIX i coniugi avevano comprato la busta d’insalata in un supermercato del ponente genovese. Dopo averne consumato una parte senza essersi accorta della presenza del topo, lo shock e la decisione di recarsi all’Ispettorato di Igiene della Asl, alla Fiumara. “Abbiamo ricevuto le due persone, ci hanno portato la busta dell’insalata con il topo ritrovato all’interno. Abbiamo così attivato le procedure del caso”, spiega Paolo Cavagnaro, direttore sanitario della Asl 3.

=> Leggi di più sull’allerta pezzi di metallo nei fiocchi di latto Jocca

Marito e moglie sono stati sottoposti a una profilassi di antibiotici, per sicurezza; la Asl genovese ha iniziato i controlli sul contenuto e il supermercato del ponente dove è stato acquistato il prodotto ha deciso di ritirare dagli scaffali tutte le buste di insalata della stessa azienda ancora in vendita, nonostante non avesse più buste dello stesso lotto.

Non è tuttavia ancora noto il nome della ditta che l’ha realizzata, si sa solo che l’insalata è stata prodotta e sigillata da un’azienda nel Bergamasco. Un provvedimento preso in via precauzionale, dato che “il prodotto era comunque scaduto, non c’è stato bisogno di diramare un’allerta”, ha concluso Paolo Cavagnaro.

17 aprile 2018
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento