Allerta istamina nel tonno. Si tratta di un allarme che purtroppo ormai scatta spesso da parte del Ministero della Salute, che dispone il ritiro preventivo del prodotto contaminato. In questo caso il ministero ha disposto il richiamo dalla vendita del tonno in scatola in olio di girasole Algarve, nella confezione da tre pezzi da 80 grammi ciascuno. Nello specifico il lotto ritirato dal mercato è quello L1588C e presenta degli alti livelli di istamina al suo interno.

=> Leggi l’allerta istamina per lotto tonno Pinne Gialle

Il prodotto è stato commerciato da Tribeka srl, confezionato da COFISA Conservas de Pexie da Figu eria S.A. con sede dello stabilimento a Terrapleno do Porto de Pesca , Gala 3080-801 Figueira da Foz Portogallo. La data di scadenza è settembre 2021. Ovviamente il consiglio è quello di non consumare il tonno in questione e riportarlo al punto vendita.

=> Scopri le differenze tra il tonno sott’olio e quello al naturale

Qualora invece lo abbiate mangiato accidentalmente, sappiate che potreste essere vittime della sindrome sgombroide, una patologia quasi allergica che si manifesta con crampi allo stomaco, prurito, nausea.

Se avete mangiato così un pesce con livelli di istamina elevati e avete uno di questi sintomi non allarmatevi perchè questa patologia solitamente guarisce da sola. Per sicurezza potete recarvi al pronto soccorso o dal vostro medico curante per un check completo e qualche consiglio sulla gestione della sindrome sgombroide.

17 luglio 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento