La tisana malva e finocchio è un rimedio naturale utile per favorire digestione e transito intestinale. In pratica, nello stesso infuso si sfruttano le proprietà di due rimedi che hanno dimostrata efficacia nel favorire la normale attività dello stomaco e dell’intestino.

Malva

I fiori e le foglie essiccate della malva silvestris sono ricchi di mucillagine: una sostanza di natura polisaccaridica che, a contatto con l’acqua, si gonfia fino a formare un morbido gel. Questo, transitando lungo l’intestino, stimola i movimenti peristaltici. Questi ultimi sono una sequenza regolare di contrazioni e rilasci della muscolatura liscia dell’apparato gastrointestinale: il movimento ondoso che ne origina favorisce la digestione e, ovviamente, anche la regolarità intestinale.

Oltre ad aiutare a digerire, la malva può essere utilizzata anche come lassativo, in abbinamento a una dieta regolare ricca di frutta, verdura e fibre integrali. La malva fresca, in particolare i germogli e le foglie nuove, si possono anche aggiungere alle insalate proprio con lo scopo di favorire il benessere intestinale.

La mucillagine della malva è efficace anche come espettorante e sedativo della tosse: il gel spiegato poc’anzi è in grado di ammorbidire il muco e, grazie a questa proprietà emolliente, calma la tosse anche in caso di bronchite o faringite.

Finocchio

I semi di finocchio hanno note proprietà digestive e stimolanti dell’attività gastrica e intestinale. In particolare, la tisana di finocchio è carminativa, ossia ricuce la formazione e favorisce l’eliminazione dell’aria nello stomaco e nell’intestino e, in più, è un riconosciuto eupeptico: aiuta la digestione stimolando la produzione del succo gastrico. Una tisana al finocchio dopo i pasti, di conseguenza, aiuta tutto il processo digestivo.

Ricetta e controindicazioni

Una tazza di tisana da bere calda dopo i pasti, preparata pochi minuti prima di berla, è un rimedio facile da preparare e alla portata di tutti:

  • far bollire 200 ml di acqua e poi mettere in infusione nella tazza un cucchiaino di semi di finocchio, quindi due di fiori e foglie essiccati di malva;

L’infuso andrebbe bevuto caldo, anche perché la temperatura stessa aiuta ad avere una immediata sensazione di benessere.

La tisana pronta può essere dolcificata o aromatizza a piacere con un cucchiaino di miele o di zucchero. A piacere, è anche possibile aggiungere un po’ limone, anche se il gusto comunque è gradevole e non è raro che questa tisana piaccia anche senza l’aggiunta di edulcoranti.

La malva è un rimedio naturale piuttosto delicato e, per tale motivo, è indicato anche per i bambini molto piccoli, sia in caso di tosse che di stitichezza. Per precauzione è meglio evitare di consumarne in grandi quantità in gravidanza o allattamento.

I semi di finocchio invece sono una fonte di estragolo, una sostanta genotossica. La somministrazione di questa sostanza va evitata in gravidanza ed allattamento oltre che nei bambini di età inferiore ai 4 anni.

27 novembre 2014
Immagini:
Lascia un commento